in ,

Distrazione da cellulare, legnata in vista

La riforma del Codice della Strada per limitare il numero di incidenti è un’esigenza primaria

smartphone

Distrazione da cellulare, legnata in vista. Dopo gli autovelox in città e l’invasione di monopattini elettrici, la riforma del Codice della Strada non è per niente conclusa. Tutto era scritto in un mega disegno legge del 2010, ma poco alla volta il Governo Conte M5S-Pd ha estratto diversi articoli. Per fare decreti immediati. Un modo sciatto e disordinato di procedere, mentre la sicurezza stradale necessiterebbe di una riforma organica e ragionata.

Distrazione da cellulare: quali multe oggi

Anzitutto, per capire bene le cose, esaminiamo la multa attuale. È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici. È consentito l’uso di apparecchi a vivavoce o dotati di auricolare. Sempre? No. Purché il guidatore abbia adeguate capacità uditive a entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani). Alla prima multa, 165 euro e taglio di 5 punti-patente. Alla seconda nel biennio, per recidiva, 165 euro e taglio di 5 punti-patente e sospensione patente da uno a 3 mesi.

Possibili novità per telefonino in auto

Domani, se la norma diverrà realtà, alla prima violazione, 422 euro, sospensione della patente da 7 giorni a due mesi, -5 punti. Per recidiva,

644 euro, sospensione della patente da uno a tre mesi, decurtazione di 10 punti. Ma occhio, in alternativa, subito alla prima infrazione, potrebbero scattare ritiro della patente immediato, alla prima infrazione più il sequestro dello smartphone.

È che a furia di fare controlli con le telecamere, e a furia di fare sanzioni facili, l’Italia non centra mai gli obiettivi dell’Unione europea in fatto di dimezzamento dei morti sulle strade.

No invece all’omicidio stradale. Almeno per ora.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento