in

Fiat Chrysler per crescere si affida ai veicoli commerciali in Marocco

In Marocco Fiat Chrysler punterà forte sui veicoli commerciali per crescere ulteriormente

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Nuove direzioni per FCA Marocco (Fiat Chrysler Automobiles). Il nuovo presidente e CEO del gruppo, Pierre-Martin Bos, in carica dallo scorso luglio, ha implementato diversi orientamenti chiave per una migliore comprensione del mercato marocchino.  Il nuovo capo dei marchi Fiat, Fiat Professional, Jeep, Alfa Romeo e Abarth, che conosce bene il gruppo FCA in quanto vi lavora da più di 18 anni, guarda principalmente al segmento dei Veicoli Commerciali (LCV).

E la priorità del nuovo CEO non è casuale. Bos conosce bene il segmento utility e ha già ottenuto diversi successi in tutta Europa, in particolare nella sua nativa Francia, dove sotto la sua guida Fiat Professional è diventato il primo importatore di veicoli commerciali. Pertanto, vorrebbe che il segmento dei veicoli commerciali leggeri fosse al centro della strategia triennale 2020-2023, poiché l’offerta di prodotti del Gruppo è una delle più complete sul mercato, con veicoli ad alte prestazioni e la crescita delle vendite più significativa in tutta la regione MENA (Medio Oriente, Nord Africa). “Un piano d’azione ben definito permetterà in pochi mesi di vedere i frutti e salire sul podio”, indica il Gruppo.

Il secondo pilastro della visione Bos non è altro che il cliente. Il nuovo CEO di Fiat Chrysler Marocco aspira a metterlo al centro della riflessione, sia sulle nuove configurazioni dei veicoli, in grado di soddisfare le aspettative dei clienti più esigenti, sia sull’implementazione di soluzioni creative e inedite di customer experience. Il successo di FCA Morocco non può essere raggiunto senza l’impegno della rete, ritiene il Gruppo. Con una presenza in tutte le principali città, l’attuale tasso di copertura raggiunge il 94% e fino al 98% per i veicoli Premium.

La capillarità verso l’alto della rete continuerà a progredire grazie all’apertura di diversi altri punti vendita, in particolare a Dar Bouazza, prevista per l’ultimo trimestre 2020 ad El Jadida, Mohammedia e Salé nel 2021. Senza dimenticare anche il significativo salto di qualità della rete quella esistente effettuata lo scorso anno, e che consente una migliore esperienza del cliente, pur rimanendo allineata ai vincoli imposti dalla crisi sanitaria del Covid-19. Infatti, Fiat Chrysler Morocco e tutta la sua rete hanno messo in atto un drastico protocollo sanitario da osservare dall’ingresso dello showroom alla consegna del veicolo, compresi tutti gli altri servizi. “Questo salto di qualità ci consentirà di guadagnare slancio in termini di vendite e di fornire un servizio clienti pienamente conforme ai requisiti internazionali”, indica il Gruppo.

Sempre con l’obiettivo di illustrare le capacità innovative e all’avanguardia dei suoi marchi, FCA Morocco presto allestirà una nuova infrastruttura presso le proprie concessionarie nelle città di Casablanca e Rabat (in primis), consentendo un accesso semplice e concreto ai clienti che hanno scelto veicoli elettrici.

Ogni nuova visione ha bisogno degli uomini per tradurla sul campo. Per questo Pierre-Martin Bos non ha dimenticato di sottolineare il suo impegno nei confronti delle squadre che portano alta la bandiera di FCA Marocco, nonché della rete che lo supporta nella sua strategia. “Sono felice di appartenere al solido e consolidato team di Fiat Chrysler Automobiles Morocco”: così ha accolto i suoi team durante la sua recente nomina.

Ti potrebbe interessare: FCA: il nuovo CEO ha grandi ambizioni in Marocco

Hai le notifiche bloccate!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento