in

Alfa Romeo Stelvio: Roberto Fedeli racconta lo sviluppo del Suv

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio

Roberto Fedeli, direttore tecnico di Alfa Romeo e Maserati, parlando alla stampa italiana ha voluto raccontare come si è svolto lo sviluppo di Alfa Romeo Stelvio, primo Suv della casa automobilistica del Biscione presentato ufficialmente ieri da St. Moritz dove è stata mostrata la gamma intera. L’ingegnere ha spiegato che lo sviluppo di questo modello, che potrebbe portare un grosso contributo alla crescita delle vendite del brand milanese, è stato piuttosto veloce.  Questo anche grazie al fatto che si è potuta sfruttare la stessa piattaforma di Giulia e dunque si è modificata solo la carrozzeria. Dunque in totale ci sono voluti circa 2 anni per mettere a punto questa vettura, quando solitamente le case tedesche ne impiegano 3 di anni.

Anche la ripartizione del peso è la stessa di Alfa Romeo Giulia. Questo significa che il Suv Alfa Romeo Stelvio si caratterizza per riporre il 50 per cento del suo peso sulle ruote anteriori e il restante 50 per cento su quelle posteriori. Una piattaforma robusta come la Giorgio non ha nemmeno costretto i tecnici del Biscione a pensare dei rinforzi come invece avviene di solito con i suv di altre case automobilistiche. Altra cosa che mette in evidenza Roberto Fedeli, è che lo sterzo ha la medesima taratura sia nella versione diesel che in quella benzina.

Roberto Fedeli
Roberto Fedeli: direttore tecnico di Alfa Romeo e Maserati parla dello sviluppo del Suv Alfa Romeo Stelvio

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: prezzi e dotazioni della gamma al completo

Sempre a proposito di Alfa Romeo Stelvio, Roberto Fedeli ha spiegato anche che  il cofano motore, il parafanghi e  le portiere sono in lega di alluminio, al pari di quelle di Alfa Romeo Giulia. Questo materiale però nel caso dello Stelvio è stato utilizzato anche per il portellone. L’ingegnere esclude per il momento la possibilità che arrivi una versione diesel più potente. Invece molto probabilmente in futuro assisteremo all’arrivo di una versione ibrida e lo stesso avverrà per la Giulia ma questo accadrà solo nel corso dei prossimi anni.

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: i suoi brand in fondo alla classifica sull’affidabilità stilata da JD Power

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: nella fusione con GM la crescita di Alfa Romeo determinante?