in

La Famiglia Agnelli ha assunto il controllo del gruppo editoriale GEDI

La famiglia Agnelli, proprietaria di società come Fiat Chrysler e Juventus, oggi ha assunto il controllo del gruppo editoriale GEDI

La famiglia Agnelli, proprietaria di società come Fiat Chrysler e Juventus, oggi ha assunto il controllo del gruppo editoriale GEDI e ha immediatamente cambiato i direttori dei giornali La Repubblica e La Stampa. Exor, la holding di famiglia, ha comunicato in una nota di aver acquisito il 43,78% di GEDI che la società CIR, di proprietà della famiglia De Benedetti, possedeva fino ad ora, in cambio di 0,46 euro per azione, vale a dire 102,4 milioni.

La famiglia De Benedetti è stata storicamente legata a questo gruppo editoriale, che oltre a controllare i due suddetti quotidiani ha anche Il Secolo XIX, tredici giornali locali, il settimanale l’Espresso e tre stazioni radio nazionali (Radio Deejay, Radio Capital, M2O). Lo scorso dicembre, la famiglia De Benedetti ha annunciato di aver raggiunto un accordo per vendere la sua partecipazione totale a GEDI alla famiglia Agnelli. 

L’operazione è stata completata giovedì e John Elkann è diventato il nuovo presidente del gruppo, mentre Maurizio Scanavino è il nuovo CEO. Maurizio Molinari è stato nominato direttore del quotidiano La Repubblica e sarà anche direttore editoriale di GEDI, e Massimo Giannini sarà direttore di La Stampa.

Mattia Feltri, attualmente caporedattore di La Stampa, gestisce l’Huffington Post e Pasquale di Molfetta sarà il direttore editoriale delle radio GEDI. L’operazione di acquisto da parte della famiglia Agnelli è stata effettuata attraverso la società Giano Holding, interamente controllata da Exor, che presenterà un’offerta pubblica per le azioni GEDI ancora in circolazione.

Ti potrebbe interessare: L’accordo Fiat-Peugeot porterebbe nelle casse di Exor 3,6 miliardi di euro nel 2022

 

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento