in

Fca: prima ‘vittoria’ in tribunale contro General Motors

Il giudice ha accolto una richiesta del gruppo automotive

(PRNewsfoto/FCA US LLC)

La Fiat Chrysler si sta muovendo per respingere una causa per racketismo intentata dalla rivale General Motors, negando le accuse di aver corrotto i funzionari sindacali per imporre costi di lavoro più elevati a GM. Nei documenti presentati lo scorso gennaio alla corte federale di Detroit, Fca ha sostenuto che la causa non è avvalorata dai fatti. E, anche qualora gli atti legali sostenuti da GM corrispondessero al vero, le azioni incriminate non sarebbero più punibili, essendo scattata dopo quattro anni la prescrizione.

La controparte ha denunciato Fiat Chrysler nella causa intentata lo scorso novembre di aver corrotto i funzionari della United Auto Workers Union, cosicché si sobbarcasse costi più elevati nel tentativo di costringersi a fondersi con la più piccola Fca. La causa senza precedenti contro un rivale di Detroit asserisce che il gruppo italoamericano era coinvolta nel racket pagando milioni di tangenti per ottenere concessioni e ottenere vantaggi in tre contratti di lavoro con il sindacato, un’accusa contestata da Fiat Chrysler.

Fca: la risposta alle accuse di GM

Fca nega di aver diretto o approvato i presunti pagamenti proibiti, ha dichiarato la società nella sua mozione. Sono stupiti da questo esposto, sia per il suo contenuto sia per la sua tempistica. Possono solo supporre che questo fosse inteso a interrompere la loro proposta di fusione con la PSA, così come le trattative in corso con l’Uaw. Intendono difendersi energicamente da questa causa senza fondamento e perseguire tutti i rimedi legali in risposta ad essa.

GM ha smentito entrambe le ipotesi, osservando che la Fca sta cercando un partner da diversi anni, e la General Motors è stata un chiaro obiettivo. Nel mentre, l’Uaw si è detta fiduciosa che i funzionari loro o di Fca non abbiano influenzato i termini di quei contratti. Il fatto che questi problemi possano causare dubbi sui contratti lo considera deplorevole.

GM imputa a Fiat Chrysler di aver corrotto i negoziati con l’Uaw nei contratti del 2009, 2011 e 2015 per ottenere vantaggi rispetto a General Motors. Le accuse derivano da un’indagine federale di lunga durata su Fiat Chrysler e funzionari dell’Uaw, attraverso un centro di formazione riguardante alti esponenti. Dieci le persone legate all’Uaw accusate; otto si sono dichiarate colpevoli, tra cui la vedova di un vicepresidente sindacale. Tre persone alle dipendenze di Fiat Chrysler hanno ricevuto inoltre condanna.

Illecito pervasivo

Per il General Counsel del GM Craig Glidden, Fca ha chiaramente promosso un illecito pervasivo, pagando milioni di dollari in tangenti per ottenere concessioni da Uaw. Ma la difesa ha detto nella sua domanda di archiviazione che per dimostrare le azioni contestate, GM deve dimostrare le pressioni esercitate in qualche modo sul sindacato e la spinta a commettere azioni illegali, cosa secondo la sua versione mai fatta in realtà.

Non sarebbe riuscita a comprovare il danno arrecatovi dalle manovre di Fca, un requisito della legge sul racket. La tesi accusatoria secondo cui la parte in causa ha tentato di forzare una fusione facendo concessioni all’Uaw durante i colloqui per il contratto del 2015, per poi attaccare GM con quei termini nella contrattazione dei modelli, è sbagliata perché le concessioni hanno danneggiato la Fiat Chrysler, ha indicato la mozione. Questa teoria sfida la logica economica e non dipendeva dai presunti pagamenti proibiti, ha aggiunto.

Dito puntato contro Sergio Marchionne

General Motors ha poi puntato il dito contro l’ex amministratore delegato della Fiat Chrysler, Sergio Marchionne, morto lo scorso anno, per aver autorizzato tangenti del valore di oltre 1,5 milioni di dollari a funzionari nel regime. Aumento del costo del lavoro studiato per forzare GM a fondersi con Fca, che aveva rifiutato l’offerta di Marchionne di combinare le società, riporta la causa. Il CEO è stato una figura centrale nella cospirazione per Craig Glidden, intervenuto in conferenza stampa per perorare la sua causa.

Oltre ai costi favorevoli per i dipendenti, GM afferma nella causa che i vantaggi sono stati fondamentali per il tentativo di Marchionne di forzare una fusione tra le due aziende nel 2015, respinta. Hanno la percezione sia stata parte integrante della spinta a favorire una fusione. Il tentativo di ottenere l’appoggio dell’Uaw fosse in atto e lo hanno richiamato nella denuncia.

Ma GM, secondo la Fca, non aveva idea sul perché la Fca abbia dovuto corrompere l’associazione per accettare un contratto favorevole, o sul perché Marchionne avrebbe voluto attaccare entrambe le società con costi del lavoro più elevati se il suo obiettivo finale fosse stato quello di gestire il conglomerato derivante dalla fusione, presumibilmente su base redditizia. In un’uscita pubblica GM ha definito la mozione una tattica prevedibile, e preannunciato risposte in tribunale. Sono fiduciosi sui presupposti legali e fattuali del caso intentato.

Posizione privilegiata con i collaboratori

GM avrebbe subito danno perché le tre case automobilistiche dell’area di Detroit – GM, Fiat Chrysler e Ford – si sono impegnate in trattative scaturenti accordi analoghi. Anche se ci sono alcune differenze nei contratti finali, sono tipicamente minori.

Tuttavia, nelle sinergie strette tra il 2009 e il 2015, Fca ha ottenuto vantaggi significativi che GM e Ford non hanno invece goduto. In particolare, a Fca avrebbero concesso la facoltà di impiegare un maggior numero di lavoratori temporanei e di dipendenti di livello 2, dando alla Casa automobilistica un sostanziale vantaggio in termini di cosoi rispetto alla concorrenza. I funzionari della GM non sono ancora stati in grado di determinare l’ammontare specifico dei danni. Ford non ha commentato la causa.

È difficile argomentare senza scoperchiare interamente il vaso di Pandora, ha detto Glidden. Il periodo da porre in analisi è lungo. L’arco temporale inizia nel 2009 e si estende almeno fino alla fine del 2015, ha spiegato durante un incontro con la stampa a Detroit. Prendere in considerazione il numero di dipendenti coinvolti nell’affare e le cifre in esame comporta un massiccio dispendio di energie.

Fca: domanda accolta

Per un verdetto definitivo sarà necessario aspettare diversi mesi, intanto però la Fiat Chrysler Automobiles NV si è aggiudicata martedì il primo game nella causa civile di racket della General Motors Co. contro la casa automobilistica italo-americana.

Il giudice distrettuale statunitense Paul Borman permette alla Fiat Chrysler di ritardare la consegna dei documenti richiesti dalla casa automobilistica di Detroit fino a quando non deciderà se il caso debba essere archiviato. GM sta cercando di dimostrare le sue accuse che una cospirazione di anni di corruzione da parte dei dirigenti della Fiat Chrysler ha corrotto le trattative di lavoro e danneggiato GM, che la Fca ha definito “infondata”.

Sono fiduciosi nel merito del caso, basato sulla cospirazione di lunga data che la Fca ha orchestrato, ha detto il portavoce di GM Jim Cain in una dichiarazione. Non vedono l’ora di procedere prontamente alla scoperta dopo la risoluzione della loro mozione di archiviazione. L’anno scorso GM ha notificato alla Fiat Chrysler 55 ampie richieste di documenti che risalgono a più di 10 anni fa e quattro richieste di interrogatorio.

Fca appagata

In un comunicato Fiat Chrysler si è detta soddisfatta della decisione del giudice di respingere la mozione della General Motors che chiede l’immediata scoperta, ribadendo che le affermazioni della sua rivale sono prive di merito e tendenziose. Il rinvio si applica pure alle parti non contraenti nel caso, come la United Auto Workers, nei cui riguardi GM ha avanzato 36 richieste, compresi gli 1,9 milioni di documenti che l’Uaw ha fornito al governo federale nella sua attuale indagine sulla corruzione.

Borman, tuttavia, chiede a GM di presentare entro il 3 marzo un briefing sulle preoccupazioni inerenti alla conservazione delle prove. Il sindacato non ha avuto commenti al di là dei suoi precedenti archivi. Cain ha manifestato ancora preoccupazione di assicurare la conservazione delle prove rilevanti in tale situazione e apprezzerebbe la possibilità di informare la Corte su tale rilevante questione. Il costruttore ha tempo fino al 9 marzo per far pervenire la sua risposta alla richiesta della Fiat Chrysler di archiviare il caso.

Taft-Harley Act: cos’è e perché viene fatto rispettare

Uno dei principali negoziatori del lavoro della Fiat Chrysler Automobiles e il coniuge di un vicepresidente dell’Uaw, ora deceduto, hanno ricevuto accuse di cospirazione per dare denaro e beni per un valore superiore a 1,2 milioni di dollari a funzionari e dipendenti della United Auto Workers.

Alphons Iacobelli e Monica Morgan, moglie dell’ex vicepresidente dell’Uaw, il dirigente Holiefield, sono finiti sotto processo per violazioni del Labor Management Relations Act, meglio noto come Taft-Hartley Act. La legge ha lo scopo di limitare l’attività e il potere dei sindacati, ma vieta anche ai datori di lavoro o ai subordinati di pagare, prestare o consegnare denaro o altri oggetti di valore a funzionari o dipendenti di organizzazioni.

Iacobelli è un ex dirigente della Fca, che ha lasciato l’azienda nel 2015 ed è entrato a far parte della General Motors nel 2016. Holiefield, morto nel 2015, è stato il principale negoziatore dell’Uaw con Fiat Chrysler. Holiefield si è congedato nel 2014. Iacobelli e altri alla Fca sono stati accusati di aver effettuato più di 1,2 milioni di dollari in pagamenti illegali dal 2009 al 2014 a Morgan, Holiefield e altri. Secondo il Detroit News, l’atto d’accusa prevede il pagamento di un’ipoteca di 262.219 dollari su Holiefield e sulla residenza di Morgan.

Negato lo sviluppo professionale

L’atto d’accusa espone una collaborazione criminale inquietante che è intercorsa per anni tra funzionari di alto rango della Fca e dell’Uaw, ha affermato David P. Gelios, agente speciale incaricato della divisione di Detroit dell’Fbi. I fondi applicati in modo errato avrebbero privato uomini e donne che lavorano di una forza lavoro critica e di opportunità di sviluppo professionale e messo in discussione l’integrità dei contratti negoziati durante il periodo in cui l’Fca e l’Uaw sono stati coinvolti”.

I pagamenti sono stati effettuati mentre Iacobelli e Holiefield supervisionavano i colloqui tra l’Uaw e la Fca e provenivano da conti e carte di credito legati all’Uaw-Chrysler National Training Center di Detroit, che fornisce formazione ai dipendenti Fca.

Jerome Durden, che era un analista finanziario del dipartimento di contabilità aziendale di Fca e dal 2008 al 2015, si sarebbe secondo GM reso responsabile di cospirazione per truffa agli Stati Uniti.

I dipendenti di Fca US e Uaw avrebbero effettuato a loro svantaggio degli illeciti presso il National Training Center (NTC), un’entità giuridica indipendente, giura, al contrario, Fiat Chrysler.

Queste azioni egregie non sono state né conosciute né sanzionate dalla Fca US. Dopo aver appreso di possibili illeciti nel giugno 2015, la società – prosegue la nota – ha indagato sulla questione e, di conseguenza, il signor Iacobelli e il signor Durden sono stati prontamente separati dalla società nel momento in cui la Fca US ha ottenuto credibili le prove di illeciti. La società ha anche lavorato con l’Uaw per implementare la governance, la revisione contabile e le riforme strutturali per migliorare la responsabilità e la trasparenza del NTC.

Uaw inorridita dalle accuse

La casa automobilistica ha garantito di aver collaborato con l’indagine del Procuratore Federale e intende perseguire tutti i potenziali rimedi legali contro Iacobelli e qualsiasi altra parte colpevole. Intanto l’ex capo dei negoziati sta scontando una pena di 5 anni e mezzo presso una prigione federale. L’Uaw è inorridita dalle accuse contenute nell’atto d’accusa del Dipartimento di Giustizia (DOJ), che costituiscono un tradimento della fiducia da parte di un ex vicepresidente del sindacato, ha proferito il presidente dell’Uaw Dennis Williams. Perché l’organizzazione applica una politica di tolleranza zero per corruzione o atti illeciti di questo tipo a qualunque livello.

Mentre l’Uaw-Chrysler National Training Center (NTC) è un’entità separata dall’Uaw non ricavante alcuna quota, gli abusi presunti nell’atto d’accusa del DOJ ne hanno disonorato il nome e i principi predicati per più di 80 anni. Uaw, all’oscuro del procedimento legale, avrebbe pure collaborato con l’ufficio del Procuratore degli Stati Uniti . Oltretutto era in corso un’indagine interna utilizzando un consulente indipendente. L’Uaw starebbe anche implementando nuovi controlli interni per accertarsi che ciò non si ripeta mai più.