in

Fiat Chrysler: decine di artisti boicottano il murales a Detroit

Insorgono le proteste contro i paventati danni alla salute dei cittadini

Fiat Chrysler

Decine di artisti di Detroit boicottano l’appello a dipingere il perimetro dell’espansione di uno stabilimento Fiat Chrysler sul lato est, definendolo un tentativo di coprire la distruzione di un quartiere.

“Ci rifiutiamo di partecipare al progetto di murales se la città e FCA non soddisfano le richieste dei vicini di casa per affrontare i danni alla loro salute e alle loro case”, si legge in una campagna online a cui si sono uniti circa 60 artisti, tra cui i prolifici Vito Valdez, Sydney James, Olayami Dabls e Ijania Cortez. “Noi sosteniamo l’arte che è per e dalla comunità, non è un’arma contro di noi”.

L’espansione da 1,8 miliardi di dollari del Mack Avenue Engine Complex della Fiat Chrysler trasformerà l’area di Mack e St. Jean, portando 5.000 occupati. Il 14 febbraio, la città ha aperto la domanda di lavoro per dipingere 1.500 piedi di mura di cemento (pari a circa 450 metri) che divide la realizzazione dalle case e dalla scuola che la circondano.

Fiat Chrysler: non mitigherebbe abbastanza l’inquinamento atmosferico

La proposta della Fiat-Chrysler di mitigare l’inquinamento atmosferico nella sua prossima fabbrica di Detroit potrebbe essere insufficiente per le autorità statali di regolamentazione ambientale – ma almeno i residenti e i bambini delle scuole vicine avranno qualcosa di carino da ammirare. Giusto in tempo per San Valentino, i funzionari locali asseriscono che loro e Fca mostreranno un po’ d’amore, portando avanti il progetto di vasta portata per circondare parte della struttura.

In tutto, saranno dipinti di bianco oltre 450 metri di mura spesse che attualmente emanano un’atmosfera di fortezza. Una corre lungo Beniteau Street di fronte alla scuola superiore del sud-est. L’altro è in Beniteau Street e Kercheval Avenue.

Oggi uscirà un bando di concorso internazionale per artisti, con un vincitore o una serie di vincitori da selezionare entro i primi di giugno. I murales per rappresentare “sia la ricca storia che il brillante futuro dei quartieri dell’East Side di Detroit” devono essere completati entro novembre. I residenti e gli studenti potranno contribuire a dare forma all’iniziativa. Essa rientra in un accordo da 35 milioni di dollari di benefici per la città, in cambio di quelli che potrebbero essere più di 400 milioni di dollari di incentivi statali e locali per il nuovo stabilimento.

5mila nuovi posti di lavoro

La conversione di due stabilimenti nel nuovo impianto Jeep dovrebbe costare 1,6 miliardi di dollari e portare fino a 5.000 occupati nell’area – di cui un numero imprecisato sarà riempito da personale autolicenziatosi da altre parti. In seguito, il personale di Detroit avrà il primo posto di lavoro.

Gli artisti si sono opposti alle preoccupazioni di un gruppo del quartiere, secondo cui l’opera di costruzione ha scosso e spostato le case, e fatto salire la polvere nociva. I residenti di Just Beniteau temono peggioramenti della situazione ambientale quando lo stabilimento, che comprende un’officina di verniciatura di 800.000 metri quadrati, sarà operativo. Un piano di mitigazione della qualità dell’aria presentato da Fiat Chrysler alle autorità statali è stato respinto come insufficiente all’inizio di questo mese.

La Divisione Qualità dell’aria dello stato ha comunicato a Fiat Chrysler che i suoi progetti relativi ai permessi per il suo nuovo centro di assemblaggio nella zona est di Detroit non sono all’altezza delle aspettative. In una lettera inviata il 24 gennaio a un funzionario della compagnia, la direttrice dell’AQD Mary Ann Dolehanty ha chiesto a Fiat Chrysler di fornire maggiori informazioni sui suoi sforzi di sensibilizzazione alle persone che vivono nei pressi del sito.

L’AQD ha poi respinto il piano di campionamento per il monitoraggio dell’aria proposto dall’azienda di due settimane per ogni trimestre di calendario. Non fornirà dati sufficienti per valutare l’effetto dell’impianto sulla qualità dell’aria.

Lettera a Fiat Chrysler

La lettera chiede anche alla Fiat Chrysler di spiegare perché non ha incluso la filtrazione dell’aria nei suoi piani per i permessi. I sistemi di filtraggio potrebbero ridurre l’esposizione interna all’inquinamento causato dall’impianto. Il documento dello Stato ha rallegrato i residenti nei pressi, tra cui Gregg Newsom. Egli afferma che gli sforzi di Fca per raggiungere la comunità sono stati inadeguati, e che l’azienda ha parlato principalmente solo con i rappresentanti. Quindi hanno la sensazione abbia scelto con chi parlare.

È quasi come se – aggiunge Newsom – ogni volta che un residente tira fuori qualcosa sulla qualità dell’aria o una preoccupazione per la sua salute, la Fca chiude la conversazione. Stando all’uomo tante persone site nelle adiacenze soffrono di asma. Un gruppo che ci vive vicino sta sostenendo un accordo simile a quello concesso agli abitanti in prossimità del nuovo ponte. Nell’intesa sono state due opzioni: trasferirsi in una sistemazione della Detroit Land Bank; recuperare fondi per modificare quelle già possedute per contenere le emissioni e il rumore.

In merito alla lettera, Fca ha spiegato di essere a conoscenza del fatto che, mentre costruisce il nuovo centro di assemblaggio all’avanguardia e creano quasi 5.000 nuovi posti di lavoro a Detroit, ha grossa responsabilità – e il piano – di minimizzare l’impatto ambientale sulla comunità per questa e le generazioni future. Non vedono pertanto l’ora di lavorare con EGLE per risolvere qualsiasi questione in sospeso.

I termini dell’accordo

Il murales fa parte di un accordo di benefici per la comunità da 14 milioni di dollari negoziato tra un gruppo di residenti parzialmente eletti in rappresentanza della zona e la casa automobilistica, che riceverà 400 milioni di dollari di sussidi pubblici per il progetto.

L’accordo include 15.000 dollari per le riparazioni di ogni casa vicina. Fiat Chrysler Automobiles NV è un altro progresso nella proposta di espansione dello stabilimento sul lato est della città. Il consigliere comunale Andre Spivey ha auspicato che i cittadini di Detroit vengano addestrati per le operazioni e i vantaggi conseguenti al programma. A suo avviso, è compito della città creare l’atmosfera adatta per consentire alle imprese di effettuare investimenti produttivi.

Andre Spivey non conosce nessun’altra azienda disposta a venire in questo periodo con così tanti posti di lavoro tutti insieme. Pensa che dovrebbero stare attenti a come vanno avanti. Ci sono probabilmente altre aziende in procinto di ripercorrerne i passi, tra cui alcune che, senza dare nell’occhio, monitorano attentamente la conduzione degli affari. Qualunque cosa succeda, creerà un precedente.

Fca prevede di investire 1,6 miliardi di dollari per espandere le sue strutture di Mack Avenue con un nuovo stabilimento e di investire 900 milioni di dollari per modernizzare il suo stabilimento di Jefferson North Assembly. L’espansione aggiungerebbe, in base ai piani, 4.950 occupati. Spivey pensa che la città avrebbe potuto ottenere un accordo migliore. Insomma, non lo gradisce nella sua globalità, ma ritiene sia un bene in questo momento portare avanti la prima fase, con una consapevolezza: i fornitori seguiranno presto, e non conoscono i futuri risvolti.

Investimento nel territorio

L’amministrazione comunale e i funzionari della Fca sono venuti prima del comitato permanente per la pianificazione e lo sviluppo economico giovedì, dopo il voto dell’organismo della scorsa settimana, per riportare diversi elementi relativi all’iniziativa per ulteriori discussioni. La città ha riunito la superficie necessaria per il progetto e la casa automobilistica, la città e un consiglio consultivo di quartiere hanno concordato un accordo sui benefici per la comunità. Nell’accordo, la Fca afferma che investirà 13,8 milioni di dollari nella formazione della forza lavoro, nell’istruzione, nell’edilizia abitativa e nella rivitalizzazione del quartiere.

Tom Lewand, dirigente del gruppo per l’occupazione e la crescita economica dell’ufficio del sindaco, ha detto che i sussidi previsti, inclusi i terreni acquistati, sono circa 57.000 dollari per posto di lavoro, un terzo della sovvenzione media prevista per gli impianti automobilistici costruiti negli Stati Uniti negli ultimi 10 anni. Questo lo reputa il miglior affare mai fatto in 50 anni di operato. Non ha alcun rimpianto.

Eppure, già nella conferenza stampa di presentazione la commissione aveva espresso dei dubbi. I consiglieri comunali James Tate e Gabe Leland si sono opposti alla vendita del Millennium Parking Garage di proprietà della città sul Congresso, che secondo i funzionari della città è necessario per contribuire a finanziare il contributo all’acquisto del terreno.

Il comitato ha scaricato la questione al consiglio comunale al completo senza alcuna raccomandazione da approvare. La sua sfida, però, e ne hanno parlato, una volta concluso l’affare, è sparita, aveva commentato Tate. Temeva di trascurare la creazione delle strutture di parcheggio, soprattutto in centro. Soprattutto quanto il terreno è un premio. Quindi questa è la sua più grande sfida.

Terreno pezzo critico dell’accordo

Le proposte di permuta fondiaria contenute nell’accordo passeranno al Consiglio Comunale, in mezzo alla preoccupazione dei residenti per la proprietà che la famiglia Moroun riceverà in cambio di 82,2 acri di terreno attraverso il suo braccio immobiliare Crown Enterprises. Il terreno era un pezzo critico dell’accordo, aveva chiarito Leland. Non sono andati alla Corona e hanno deciso che volevano comprare la loro terra. La Fiat Chrysler ha definito impossibile la conclusione dell’affare senza il possesso di quel terreno, quindi hanno dovuto adempiere all’aut-aut.

Il consigliere Scott Benson ha notato che il lato est di Detroit dovrebbe avere due degli otto centri di impiego, mentre nessuno è stato proposto per il suo distretto nella sezione nord-est della città. Nicole Sherard-Freeman, presidente e CEO della Detroit Employment Solutions Corp., che gestisce il programma Detroit at Work, ha detto che la strategia dell’East Side non è finita.

Si aspettava una partnership in natura, così come altri siti nell’East Side, per consentire a Detroit di avere accesso alle informazioni sulle assunzioni. In questa situazione, il tempo per Benson è essenziale: non è facile entrare in un luogo. Si paga per quello che si ottiene. Era seriamente intenzionato a verificare che i residenti del suo distretto sul lato nord-est di Detroit abbiano pari accesso a tali opportunità. Ma il gruppo Beniteau, esponente della maggioranza dei residenti lungo la strada più vicina alla fabbrica, non lo definiva sufficiente.

Esigenza di ricevere denaro

Le fondamenta sono ulteriormente compromesse dalle vibrazioni della costruzione e dall’aumento del traffico di camion. Le fondamenta solide prima della costruzione erano danneggiate e non sigillate. A tal fine, un portavoce esternava l’esigenza di ricevere più denaro. In particolare, sollecitava Fiat Chrysler a coprire i costi delle riparazioni delle fondamenta, delle nuove finestre e dei tetti e dei forni centrali certificati di qualità dell’aria.

Detroit sosteneva di incontrarsi regolarmente con i residenti di Beniteau per rispondere alle loro preoccupazioni, ma senza aver mai avuto voce in capitolo sulla cifra di 15.000 dollari. La stragrande maggioranza dei residenti, in particolare quelli che sono stati impegnati nel processo fin dall’inizio, continua a promuovere il nuovo stabilimento della Fca, evidenziando la responsabilità del distretto del Dipartimento dei quartieri Letty Azar.

Già allora però si rendeva conto della “manciata” di residenti contraria. Per Azar l’opinione della collettività era favorevole al murales da dipingere intorno alla struttura. E nonostante il rifiuto degli artisti locali, la città dichiarava di aver già ricevuto quasi una dozzina di candidature.

Fiat Chrysler: progetto unico nel suo genere

“Si tratta di un progetto unico nel suo genere, che abbellirà il muro che i residenti hanno richiesto di installare come parte dell’accordo sui benefici per la comunità FCA”, prometteva il supervisore Zach Meers, che gestisce il programma artistico City Walls di Detroit. “Non vediamo l’ora di lavorare con i vicini su questo progetto mentre procede”.

Darnell Gardner, un residente di Beniteau Street nominato dall’amministrazione Duggan al consiglio consultivo di quartiere negoziante l’accordo sui benefici, ha scritto in risposta alle lamentele: “Distruzione di un quartiere? Seriamente! Avete guidato attraverso il quartiere? È stato distrutto e abbandonato molto tempo fa. Dov’erano tutte queste persone prima di questo progetto? Ci aiutavano a protestare contro tutte le case abbandonate o ci aiutavano a fermare la gara di accelerazione notturna a St. No!

Erano da qualche altra parte a cercare un riflettore e un microfono, così la gente può sentirli lamentarsi di qualsiasi cosa. Sì, ero/ sono un membro del consiglio di quartiere per questo progetto della Fca e se la gente può ottenere di più da questo Dio li benedica. Ma questo non significa che siamo stati fregati in questo processo”.

Il boicottaggio testimonia però che il malumore è ancora oggi vivo.