Alfa Romeo: Tutti i nuovi modelli saranno a trazione posteriore, anche la Giulietta

di -
Alfa Romeo Giulietta

Il Salone dell’auto di Ginevra 2015 è anche l’occasione per parlare del futuro di casa Alfa Romeo che, in attesa del debutto delle nuove vetture, Giulia in primis, è presente alla fiera svizzera con le serie speciali Giulietta Collezione e MiTo Racer oltre che con la 4C Spider. Uno degli argomenti più discussi di queste ore per il futuro del brand è legato ad un elemento che caratterizzerà tutti i progetti futuri, la trazione posteriore.

Alfa Romeo Giulia concept

L’amministratore delegato del brand Alfa Romeo, Harald Wester, ha, infatti, confermato ancora una volta come tutti i progetti futuri del marchio Alfa Romeo saranno basati su di una base a trazione posteriore-integrale, a partire dalla nuova Alfa Romeo Giulia e dal nuovo SUV che potranno contare sulla nuova piattaforma Giorgio. Ecco quanto dichiarato da Wester a margine del Salone di Ginevra in queste ore

Resto convinto che la strada che abbiamo scelto sia determinante per il prodotto che abbiamo in mente: auto che trasmettano emozioni, in cui il guidatore si senta parte integrante della vettura. Un qualcosa di diverso, insomma, rispetto alle tedesche: fredde nella loro “tecnocrazia”, magari impeccabili ma senza la capacità di trasmettere emozioni

Alfa Romeo Giulietta QV

Una delle questioni più interessanti su cui Wester si è soffermato in modo particolare e che non possono che far piacere a noi di ClubAlfa e, più in generale, tutti gli Alfisti riguarda la nuova Alfa Romeo Giulietta attesa per la fine del 2016. Anche la nuova generazione della segmento C di casa Alfa Romeo, a differenza di tutte le rivali, potrà, infatti, contare sulla trazione posteriore che, quindi, si conferma essere l’elemento distintivo delle future produzioni di Alfa Romeo e, si spera, l’arma in più con cui il brand riuscirà a tenere  testa alla concorrenza tedesca.

Alfa Romeo Giulia

Il numero uno di casa Alfa Romeo non lascia spazio ad alcun dubbio in merito al futuro dell’Alfa Romeo GiuliettaSe gli altri ci hanno ripensato, meglio per noi: mi piace davvero l’idea di essere gli unici a offrire una berlina di segmento C a trazione posteriore” Inutile sottolineare come gli “altri” citati da Wester siano i marchi tedeschi rivali di Alfa Romeo. Vetture come l’Audi A3 e la BMW Serie 1, infatti, puntano sulla più tranquilla e di certo meno affascinante trazione anteriore mentre Alfa Romeo seguirà un percorso completamente differente e, anche nel segmento C del mercato, punterà tutto sulla trazione posteriore.

Alfa Romeo Giulietta

La nuova Alfa Romeo Giulietta, che per il momento sta passando in secondo piano vista l’enorme attesa per la futura Giulia che debutterà a giugno, rappresenterà, senza dubbio, il progetto chiave per il successo di Alfa Romeo in Europa. Il segmento C del mercato, infatti, dovrà garantire ad Alfa Romeo volumi di vendita sensibilmente superiori rispetto ai numeri che registra l’attuale Giulietta. Questo dato rappresenta una condizione necessaria per il brand italiano per poter raggiungere l’obiettivo delle 400 mila unità vendute all’anno entro il 2018 in tutto il mondo. Per ora non ci resta, quindi, che attendere ulteriori novità sul futuro di casa Alfa Romeo con la consapevolezza che i prossimi anni potrebbero essere davvero interessanti per tutti gli Alfisti in attesa, da troppo tempo, del rilancio del brand in tutto il mondo.

  • Gianluca Morello Massimo Bellia

  • Ciao Barbara, Audi è un …gioiellino ….

  • E fosse quasi ora avete fatto morire una marka che in epoca era forte e una vergogna penso io …. fatela rinascere

  • Si audi e’ un gioiello come i motori iniettori pompa

  • Finalemente

  • Era una vita che sognavo tutto ciò…w la trazione posteriore!!!!=)=)

    • Quella “w” potrebbe essere interpretata male dalla giuria

  • Nell articolo citati la bmw serie1 e dite che ha trazione anteriore…ora il nuovo modello non so ma la precedente ha sempre avuto la TP nonostante sia brutta brutta

  • I speriamo bene speriamo non sono come la 75 in guidabile

    • Certamente saranno diversi, con controlli di stabilità che permettano a tutti di guidarle… Un po’ come le bmw..

  • 10.000€ de immondizia. Peppe Tedesco

  • Cosi smetteranno di rompere le palle docendo che non è più l’alfa di un tempo….I’alfa è sempre l’alfa c’è poco da dire!!! Ognuno ha I proprio gusti e può non piacere a tutti…ma sulla qualità c’è ben poco da far critica!!!!

    • I criticatori professionisti sono ovunque, nascosti negli angoli più remoti della terra. Inoltre la leggenda narra che ci sarà sempre qualcosa da criticare, se si tratta di Alfa Romeo o Fiat.

    • Amen Andrea Rosati

  • Marco Marino

  • Ma lo sarà anche la mito ?

    • jonathan

      La mito non esisterà più! La gamma partira dalla futura giulietta..completamente diversa da questa

  • Nicola Marrara

    Ho avuto per un paio d’anni una 75 2.0 TD e sinceramente trovo ch’era un auto fantastica, tutt’altro che inguidabile come qualcuno la definisce, anzi proprio per la sua tenuta e guidabilità devo dire che mi sono tolto parecchie soddisfazioni anche nei confronti di auto a benzina con velocità di punta ben più alte.
    Credo che il ritorno alla trazione posteriore non possa che giovare a chi come me ama il vecchio stile e tradizione Alfa!

  • Sebastian Santoro

  • Enrico Landino finalmente si torna ad avere un vera Alfa Romeo.

  • La mia paura onestamente é che questo “rilancio del marchio” non sia più che altro un’operazione di marketing per rendere alfa Romeo, sopratutto oltre oceano, un’auto esclusiva e conseguenti prezzi esorbitanti. OK in questi anni alfa non ha conosciuto i suoi tempi migliori, ma le varie 159 147 156 155 etc rimangono cmq fedeli alla tradizione di auto sportive popolari tipo la 75. Gruppo Fiat (amche se tanto lo si. Ritica) é il terzo marchio piu potente al mondo e tiene sotto la sua ala anche Ferrari e Maserati, per cui fare ottimi bolidi mangia tedesca non é un problema, il problema potrebbe sorgere (come é successo con la 4c) se non si tiene conto oltre al prestigio del marchio e alle esigenze dell’alfista, al portafoglio dello stesso, perché come é successo per la 4c l’emozione del progetto, dei tempi al Nürburgring e delle vittorie é stato tanto, ma la delusione nel vedere un listino che parte da 54000 euro e sapere di non poterla mai comprare (forse neanche usata dato l’esclusività) é stata altrettanto forte. Spero che la qualità aumenti ma non aumenti il target

  • bella roba

  • Angelo Michele

  • orazio.bacci

    Avete fin troppo aspettato ha parlare di quel fenomeno dalla linea,meravigliosa come l’Alfa Romeo Giulietta,cosa aspettano ha farla ibrida?I motori classici a benzina consumano troppo,la volete capire ho ci vuole un martello pnneumatico?

    • THE opinion leader-EX Gianluca

      Ilvmartello pneumatico ci vorrebbe per farti capire che si scrive “a parlare ( e non “ha” parlare )”, “a farla ibrida( e non “ha” farla ibrida )”, ” o ci vuole ( e non “ho” ci vuole)”….

      • orazio.bacci

        Non guardare la pagliuzza nell’occio dell’altro,pensa alla trave che hai nel tuo!

        • THE opinion leader-EX Gianluca

          Hhahahahahhaha “pagliuzza” tu non riesci a comprendere il co,cetto del verbo avere e parli di pagliuzza?! Hahahahahahhah

          • orazio.bacci

            Hai il cervello piccolo,piccolo fai il culturista,basta la parola……….

            • THE opinion leader-EX Gianluca

              Faccio il culturista???? Ed io. In primis non so nnt?! Ahahsha io sono un ingegnere meccanico…e con questo “io” non dico che i culturisti siano stupidi mentre gli ingegneri sono intelligenti…nella vita si possono fare tante cose, tutto sta alle nostre capacità e podsibilità…. Tu invece che nn conosci neanche il concetto del possesso nella lingua italiana, nella vita avrai fatto e farai ben poco questo é sicuro!

  • Il problema sarà x chi vive in zone dove nevica spesso in inverno con la trazione posteriore nn ti muovi ……

    • wissender

      Sicuramente ci sara’ anche la 4×4, proprio per la neve.
      Poi non e vero che le tedesche sono impeccabili, si puo essere tanto migliore.
      Comunque avete scritto che la BMW 1er, avrebbe l’atrezione anteriore, e invece ce l’ha posteriore.
      Comunque va battuta l’ ostesso.
      Dovete pensare piu alla grande se volete avere successo.
      anche perche, non basta essere semplicemente competitivi per essere il migliore produttore.

  • salvatore

    Sono contento per il marchio alfa romeo ci volevano dei modelli nuovi soprattutto a trazione posteriore