FCA: Dall’Alfa Romeo Giulia all’erede della Punto, tutte le novità sino al 2016

di -

In attesa della prossima edizione del Salone dell’auto di Ginevra, che dovrebbe riservare non poche sorprese agli appassionati del mondo delle quattro ruote e, speriamo, anche agli Alfisti di tutto il mondo, FCA sta preparando già da tempo il biennino 2015-2016 con una lunga serie di novità che andranno ad arricchire la gamma di tutti i brand che compongono l’universo del gruppo italo-americano. Con l’inizio della settimana, e a poco meno di un mese dall’avvio del Salone dell’auto di Ginevra, facciamo un punto della situazione sulle novità in arrivo per FCA partendo, naturalmente, dal brand chiave del piano industriale in corso ovvero Alfa Romeo.

FCA novità 2016

Tutti gli Alfisti oramai hanno già segnato da tempo sul calendario la data del 24 giugno, giorno scelto dall’azienda italiana per svelare, in via ufficiale, nel corso di un evento al Museo di Arese, la nuova Alfa Romeo Giulia, la berlina a tre volumi di segmento D che segnerà l’inizio del piano di rilancio del brand ed avrà l’obiettivo di riportare in alto le vendite non solo in Europa ma anche negli Stati Uniti dove migliaia di fans aspettano con ansia il ritorno di nuovi modelli dello storico marchio italiano. Anche in questo caso, tutti gli Alfisti sanno benissimo che dalla stessa base dell’Alfa Romeo Giulia nascerà, nel 2016, il primo SUV di casa Alfa Romeo che dovrà affiancare la stessa Giulia nel raggiungimento di obiettivi tutt’altro che semplici. L’ambizioso piano di Alfa Romeo prenderà il via a giugno.

Alfa Romeo Giulia

In casa Fiat, invece, dopo il debutto della Fiat 500X, i progetti in sviluppo sono molti. Al netto dei veicoli destinati al mercato del Sud America, ed in particolare del Brasile, che rappresenta un mercato chiave per il brand italiano, da noi il progetto destinato a cambiare radicalmente la gamma Fiat è uno solo, ovvero l‘erede della Fiat Punto che arriverà nel corso del 2016. I rumors in tal senso sono tantissimi ma conferme ufficiali sulla questione sono praticamente assenti. La nuova Punto altro non sarà che la chiacchieratissima Fiat 500 a cinque porte, un’ulteriore espansione del sub-brand che ha fatto le fortune del marchio Fiat. In futuro, dopo il 2016, il brand dovrebbe concentrarsi sull‘erede della Fiat Bravo che potrebbe nascere da un progetto condiviso con quello della nuova generazione dell’Alfa Romeo Giulietta. Sempre dopo il 2016 dovrebbe debuttare la chiacchierata Fiat 126 Spider che nascerà dalla piattaforma della Mazda MX-5.

Fiat-500-Plus-Render

Il marchio Maserati è un altro brand che andrà in contro ad un biennio quanto mai importante. A fine anno, infatti, debutterà il SUV Maserati Levante, i cui test continuano a ritmo sempre più serrato. Nel 2016, invece, debutterà la versione di serie della coupé Maserati Alfieri, il prototipo realizzato dall’azienda per celebrare i 100 anni di storia e svelato proprio un anno fa, nel corso del Salone dell’auto di Ginevra 2014. Per Jeep, invece, dopo il debutto della Renegade, il prossimo progetto passa per un processo di rinnovamento della gamma che abbraccerà più modelli. Per Lancia, invece, il destino è praticamente già scritto. Nessun nuovo modello in futuro soltanto la piccola ma sempre valida Lancia Ypsilon prodotta su base 500.

Maserati Alfieri

  • light767

    Un vero peccato l’abbandono del marchio lancia…non si capisce perchè non possano usare le piattaforme fatte per alfa e ricavarne modelli lancia, cosa che permetterebbe pure di rientrare degli investimenti tra l’altro. Speriamo che venga rilanciato in futuro, dopo il rilancio completo di alfa romeo.

    • nicola

      Altro che…..uno spreco immane di un marchio dalle potenzialità e prestigio pari a quelle mercedes. D’altronde la storia lo dice e quella , nn la cancella neanche Sergio il canadese italiano solo di cognome.

    • Davide Brancato

      D’accordo su Lancia, speriamo almeno che Y si confermi il successo che è stato fin’ora. Non mi convince neppure lo sputtanamento del brand 500… potevano lasciare lo stile vintage per il mercato di nicchia e poi puntare sulla Punto per modelli con linee moderne e sperimentali, un po’ come fa Renault con Clio o altri marchi con quelle categorie.
      Molto bello invece il lavoro fatto in Alfa e Maserati, almeno visto da qui.

  • Emanue

    Apparte che sono stato uno sfegatato fiattista,ma solo due cose,1 non so piu se comprare piu una macchina fiat se non di quelle vecchie,ma poi è ora di aggiornare la parte ottica. Un bel lenticolare e posizioni a led anteriori e posteriori. Tra un po lo mettono anche nell’ape piaggio. Che vergogna dove siamo arrivati

  • orazio.bacci

    La notizia che aspetto veramente sono le indiscrezioni sulla futura Giulietta,spero proprio che ci pensino bene e la realizzino Ibrida,credo che di tempo per farla per ora ci sia ancora,altrimenti nasce vecchia,poi per motivi di risparmio notevoli di benzina.

  • Silver

    Che figata! Sono un botto curioso di vedere la nuova Giulia. Secondo me la realizzeranno ibrida e venderanno un casino. E a me dei fari led a modello audi non me ne frega nulla. Mi piace troppo, scusate sono esaltato 🙂

  • orazio.bacci

    Al costo di apparire ” Fissato ” torno ha ripetere che la ” Bocca ” della Maserati Ghibli e Levante non mi convincono del tutto,meglio sarebbe stato mantenera la Mascherina Ovoidale perfetta che e un tratto,delle classiche Maserati,come per esempoi la Gran Turismo del 2007 che e in produzione tuttora.

  • alfred

    Una vera Alfa non può essere ibrida come quelle cagate giapponesi..Ho la fai seria o njente..