Prosegue la strategia di Android e Open Automotive Alliance [comunicato]

di -
Android Auto app Alfa Romeo

Open Automotive Alliance (OAA) – la coalizione di società tecnologiche e leader dell’industria automobilistica impegnata a portare la piattaforma Android all’interno delle autovetture – ha accolto una serie di nuovi membri nell’alleanza: Alpine, Bentley, Clarion , CloudCar, Delphi, Fiat Chrysler, Freescale, Fujitsu Ten, Harman, Infiniti , JVCKenwood, LG,Maserati, Mazda, Mitsubishi , Nissan, Panasonic, Parrot, Pioneer, Renault, Renesas, Seat, Škoda, Subaru, Suzuki, Symphony Teleca, Volkswagen e Volvo.

Questi nuovi membri, che si uniscono ai fondatori dell’OAA Audi, GM, Google, Honda, Hyundai e Nvidia, provengono da tutto il mondo e riflettono la portata globale di Android, che oggi vanta più di un miliardo di attivazioni fra cellulari e tablet. L’obiettivo dell’Alliance è di portare i vantaggi più apprezzati di Android all’interno delle auto dei propri utenti, creando un modo più sicuro e pratico per controllare il traffico, tracciare un percorso o selezionare una playlist, senza però utilizzare le mani. Più semplicemente, il suo scopo è creare un’auto interconnessa.

 Open Automotive Alliance

Alan Amici, Direttore di Uconnect Systems and Services, Chrysler Group LLC, dichiara: «Entrare a far parte della Open Automotive Alliance ci offre la possibilità di capire come integrare a livello globale le più diffuse funzionalità degli smartphone Android sui nostri sistemi Uconnect di Chrysler Group, Abarth, Alfa Romeo e  Fiat. Essere membri di OAA supporta il nostro obbiettivo di consentire ai conducenti di rimanere comodamente connessi senza togliere le mani dal volante, rimanendo così concentrati sulla guida».

Ieri, a San Francisco (California), si è svolta la conferenza degli sviluppatori Google I/O, dove Google e le case automobilistiche dell’OAA hanno presentato le prime integrazioni di Android Auto che introduce molte delle app conosciute e apprezzate dai conducenti, come Google Maps e Spotify, in un’interfaccia realizzata appositamente per chi guida. Dopo aver connesso un cellulare Android con un’auto compatibile, il conducente potrà utilizzare le app e i servizi Android progettati per l’uso automobilistico e accessibili tramite un display e comandi nella plancia.

L’ampliamento dell’OAA testimonia l’impegno di quest’ultima per l’apertura, la personalizzazione e la scalabilità che hanno contribuito al successo di Android e sono studiate per promuovere l’innovazione dell’automobile.

Torino 26 giugno 2014