Alfa Romeo Giulia: in Europa a settembre consegnate 1.718 unità

Alfa Romeo Giulia a settembre è stata protagonista delle vendite nella sua categoria, per quanto concerne il mercato europeo. La nuova berlina di segmento ‘d’ del Biscione è riuscita infatti a piazzare sul mercato ben 1718 unità, un numero di tutto rispetto per una vettura arrivata sul mercato da pochi mesi.

Questi numeri consentono all’ultima arrivata in casa di Alfa Romeo di ottenere già la quarta posizione tra le auto più vendute della sua categoria, dietro a Mercedes C (4.300 esemplari), BMW Serie 3 (3.033) e Audi A4 (2.091). Dunque questi dati mettono in evidenza come l’esordio europeo di Giulia stia andando davvero bene e come in fondo il terzo posto di Audi A4 non sia poi cosi lontano dall’essere raggiunto.

Alfa Romeo Giulia nelle vendite di settembre superate avversarie di tutto rispetto

Dobbiamo anche mettere in evidenza come Alfa Romeo Giulia, nel mese di settembre 2016 abbia superato nelle immatricolazioni europee vetture di tutto rispetto tra le quali Jaguar XE, che ha piazzato 845 unità, Volvo S60 con 503 esemplari, Lexus IS (340) e Infiniti Q50 con 209 unità. Prendendo in considerazione il periodo che va da gennaio a settembre 2016, Alfa Romeo Giulia è quinta a livello continentale con ben 5.105 consegne.

Ovviamente, quando si parla di questo dato, si deve tenere conto che le prime consegne sono avvenute solo a partire dal mese di giugno, dunque se anche per la Giulia le vendite fossero partite da gennaio sicuramente la berlina italiana sarebbe più avanti in classifica, al terzo o quarto posto.

Arriverà anche una versione SportWagon di Alfa Romeo Giulia?

Anche questi numeri aiutano a capire come mai probabilmente i vertici della casa automobilistica italiana di Fiat Chrysler Automobiles abbiano avuto un ripensamento sulla possibilità di portare più avanti sul mercato anche una versione SportWagon di Alfa Romeo Giulia.

Le vendite della berlina sono molto incoraggianti, anche più di quanto si era ipotizzato inizialmente e dunque pare sensato portare sul mercato entro fine 2017 anche una versione Station Wagon che in Europa continua ancora ad avere un certo successo soprattutto in paesi quali l’Italia e la Germania. 

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: AutoBild immagina così il primo Suv nella storia di Alfa

Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia: a settembre quarta berlina di segmento ‘D’ più venduta in Europa dietro solo a Mercedes Bmw e Audi

Leggi anche: Alfa Romeo Alfetta 2018: ecco come potrebbe essere la futura rivale di Bmw

Marchionne soddisfatto e fan del Biscione tranquillizzati dopo il calo della produzione di ottobre

Lo stesso Sergio Marchionne nei giorni scorsi ha spiegato alla stampa di come siano positivi i numeri di Alfa Romeo Giulia. Già con le vendite di settembre si sono raggiunti i numeri prefissati e dunque tutto quello che arriverà da qui a fine anno sarà tutto di guadagnato.

Questi dati, insieme alle parole del numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, tranquillizzano i numerosi fan del Biscione che nei giorni scorsi si erano un po’ preoccupati per il calo della produzione della berlina a Cassino. Nello stabilimento Fiat Chrysler sito a Piedimonte San Germano infatti si è passati dalle 240 unità prodotte al giorno a 160/180 al giorno. Probabilmente si tratta solo di un qualcosa di fisiologico.

  • Cominciamo a ragionare . Finalmente qualcuno che apre gli occhi . Finalmente il mercato si accorge che non solo a Stoccarda Wolfsburg Ingolstadt o Monaco sanno fare e progettare belle automobili . Come sempre è stato ma che solo i paraocchi e l ottusità ha impedito di vedere

    • naja

      anche con gli occhi aperti non é che negli ultimi decenni si siano viste molte auto italiane che siano state tanto piú che belle da vedere.
      i premi per il design fanno piacere, ma non servono a molto se la qualitá non basta.
      solo paraocchi ed ottusitá potrebbero impedire di vedere che appena adesso con la Giulia é arrivato un modello che dimostra, senza piú doverlo doverlo solo sognare e sperare, che anche in Italia si sanno costruire auto belle, ma soprattutto buone.

  • umberto

    Un ottimo risultato che dimostra la validità del progetto!

  • Des Troyer

    Se togliessimo l’Italia, la 2nda piazza sarebbe già conquistata.

  • Roberto

    Gran bella macchina, sono contento per i risultati! Secondo me, il problema principale delle italiane è la mancanza di un riferimento per categoria. Mi spiego…tutti sappiamo che l’auto di segmento D dell’Audi è l’A4, così come lo era 15 anni fa e sicuramente lo sarà tra altrettanti 15 anni. Stesso discorso per BMW (serie 3), Mercedes (classe C) e altre ancora. Stessa cosa per auto di altri segmenti. Con le italiane, invece, la tendenza è quella di abbandonare dopo un po’ il progetto e ripartire da zero con auto totalmente nuove (vedi Alfa 156, 159, Giulia), senza avere veramente un’evoluzione, con in mezzo anche dei buchi (per un po’ l’alfa non ha avuto auto di segmento D)! Questo secondo me scoraggia e confonde un po’ il mercato.
    Con questo, quello che vorrei dire è che spero vivamente che questa Giulia possa vedere nel futuro una sua evoluzione con degli aggiornamenti continui (pilota automatico, e altre diavolerie che usciranno, aggiornamento di interni ed esterni graduali, etc), in modo tale da diventare un mito (non una mito 🙂 ).

    • Des Troyer

      Il tuo ragionamento è lucido e veritiero, il pragmatismo dei crucchi è allo stesso tempo remunerativo e stomacoso. Fatta un’auto, danno come nome una sigla, dopodiché negli anni a venire aggiornano in continuazione quell’auto mantenendo sempre la stessa sigla. È anche una questione di psicologia: per associazione, si tende a ricordare più un numero di un nome. Noi, per fortuna e sfortuna, non siamo come loro… dobbiamo sempre inventarci qualcosa di nuovo, di geniale, di sorprendente.

  • Francesco Vassallo

    Tutti giusti i ragionamenti che sono stati fatti finora. Bisogna comunque migliorare la rete assistenza/ricambi per una migliore soddisfazione della clientela.
    Tenere inoltre alta la qualità dei materiali e dell’assemblaggio dove noi siamo forse più deboli.

  • alfredo

    Scusate ma non capisco a volte i vostri post sui dati delle vendite. Le cifre che mettete in evidenza parlano dell’intera europa oppure di un paese preciso? Su bestselling cars blog, una bibbia per chi è interessato ai dati di vendita, riporta cifre completamente diverse. La mercedes classe C ha venduto circa 20000 auto a settembre. L’audi a4 è a quota 17000.

    • Filippo Veglia

      Infatti neanche io capisco di cosa si stia parlando

  • Se ci fosse la sw venderebbe il triplo…