Fiat Chrysler: tra i brand considerati meno affidabili negli Stati Uniti

di -
Fiat Chrysler Us
Fiat Chrysler Us

Fiat Chrysler sarebbe un brand poco gradito dagli americani in quanto considerato poco affidabile. Questo almeno secondo quanto rivelato dalla rivista americana Consumer Reports.  Questo periodico rappresenta il punto di riferimento negli Stati Uniti per la tutela dei consumatori. Si tratta di una classifica che fa riferimento alle case automobilistiche e si basa sull’affidabilità dei marchi, secondo quanto dichiarato dagli iscritti all’associazione che negli Usa sono in totale 1,1 milioni. 

I brand di Fiat Chrysler considerati poco affidabili dai consumatori Usa

Secondo questa classifica, i prodotti meno affidabili nel comparto auto sarebbero Tesla, Dodge, Chrysler, Fiat e Ram. Lexus e Toyota  Invece sono considerate anche quest’anno come i brand automobilistici più affidabili. Subaru, Volvo e Volkswagen sono invece le case automobilistiche che più hanno visto crollare la propria affidabilità in questa speciale classifica da un anno all’altro.

Insomma sicuramente non una bella notizia per Fiat Chrysler Automobiles che di questi tempi comunque è abituata all’arrivo di cattive notizie dagli Stati Uniti che però va detto sono contro tendenza con le positive notizie che riguardano i conti del gruppo, che nel terzo trimestre del 2016 hanno subito un notevole miglioramento.

Leggi anche: Fiat Uno: In Brasile richiamo per un grave problema all’Airbag

Fiat Chrysler Automobiles
Fiat Chrysler Automobiles

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: un esemplare consegnato anche a BpC

Appena 17 punti su 100 per Fiat nella classifica dell’affidabilità

Consumer Reports, a proposito di questa sua speciale classifica che viene redatta annualmente attribuisce un punteggio che va da 0 a 100 ai singoli brand. Quest’anno il punteggio più alto è stato ottenuto dalla Lexus con 86 mentre Ram ha ottenuto quello più basso con appena 16 punti. Dodge e Chrysler pure non hanno raccolto un buon risultato con appena 28 e 26 punti. Fiat riesce di poco a superare Ram con 17 punti rappresentando uno dei marchi considerati come meno affidabili dagli iscritti di Consumer Reports.

  • Des Troyer

    Consumer Reports… Una rivista che giudica allo stesso modo frigoriferi, tostapane, lavatrici, cibo per animali e automobili. Direi che è molto competente 👍

    • naja

      nonono, non capiamo male…
      CR é una associazione di non profitto, imparziale, che non accetta nemmeno pubblicitá, é una cosa seria, e lo sanno anche loro che il dentifricio non puó frenar male ed i preservativi non arrugginiscono… 🙂
      é come la Stiftung Warentest qui in Germania, per fortuna che ci sono associazioni del genere, visto che questa é l’ unica possibilitá di vera tutela del consumatore rimasta.
      i test avvengono in reparti specifici, e vengono fatti da gente che ne capisce del tema, non viene giudicato niente allo stesso modo, ma i principi sono gli stessi.
      un sapone, un’ auto e un giocattolo possono essere tutti e tre pericolosi, potenzialmente dannosi per l’ utente o per l’ ambiente, un tablet, un frullatore e un motorino possono spaccarsi tutti e tre troppo presto, e cosí via.
      non é un caso che associazioni del genere siano di continuo in tribunale, un brutto voto da questi é la pubblicitá piú negativa che ci possa essere, perché si sa che é vera.
      l’ affidabilitá é una cosa che dovrebbe avere qualsiasi oggetto con qualche meccanica, dallo schiaccianoci alla bilancia, al frigorifero, all’ auto.
      per quello che riguarda le auto vengono considerati dieci anni di storia, non è che da oggi a domani possa cambiare molto, ed effettivamente, dieci anni fa cominciava Fiat appena a capire cosa vuol dire qualitá, mentre Chrysler aveva per esempio appena finito di svendere quella indecenza di inaffidabilitá che era il PT Cruiser, ci vorrá un po’ prima che la votazione risalga.
      …e non so se uno, abituato a un RAM da tre tonnellate, sia proprio soddisfatto a salire in un Dobló (anche RAM adesso), che in confronto sembra fatto con le lattine della CocaCola, e se si trasportano bufali o macigni, penso che il Dobló si spacchi un bel po’ prima…
      Lexus e Toyota primi della classe, come sempre e giustamente, VW, Volvo e Subaru hanno perso, ma tutte e tre partendo da livelli molto alti e per motivi comprensibili, queste sono tutte conferme che le classifiche non sono né inventate né incompetenti.
      Quattroruote testa un’ auto da A a Z, CR testa da alfa a omega, come dire.
      non giri al Nürburgring, accelerazione e suono del motore, questo lo giudica Quattroruote, ma il livello di gas velenosi rilasciati dalla plastica del cockpit, la fintapelle che provoca allergie, il condizionatore che ti dá la mazzata ghiacciata, o appunto quanto si é speso di media per la manutenzione negli ultimi dieci anni sono solo un paio di esempi di quello che Quattroruote non testa, perché non é (tanto) di loro competenza, cosí come CR non ci fa giri di pista, ma per esempio il test dell’ alce.
      alla fine, sí, CR é veramente molto competente, e soprattutto molto credibile.

      (ho tolto almeno 15 virgole prima di spedire il commento!!! 🙂 )

      • Des Troyer

        Sbalorditivo!

        • naja

          un po’ di scetticismo é un’ abitudine molto salutare, ma…
          la domanda é, competenza in quale materia?
          io parlo di tutela del consumatore, Lei di auto.
          allora, CR (mi sembra che il Report sia solo la rivista, e l’ associazione sia Consumer chennesó) ha inventato la tutela del consumatore, 50 o piú anni fa, ed é ancora penso la piú grossa, conosciuta e rinomata tra le poche associazioni del genere, strettissimamente al di fuori da ogni possibile dubbio sulla loro indipendenza, quindi forse l’ unica associazione al mondo di cui si sa che é obiettiva, senza doverlo sperare, ed é perlomeno una delle poche che si occupa anche di auto.
          difatti é conosciuta anche e soprattutto per via delle auto.
          non so adesso di preciso che test ci facciano con le auto, ma hanno giá trascinato in tribunale la metá dei costruttori di automobili, e la maggiorparte tra loro ha dovuto o preferito cambiare qualcosa subito dopo i test, altre cause sono andate avanti decenni.
          so di parecchi casi di auto che si rovesciavano in curva o assumevano in particolari situazioni un comportamento pericoloso, e questo anche molto prima di classe A e Smart, senza che venga fatta pubblicitá, che strano che appena questi due casi, non denunciati da CR, o non solo, sono divenuti cosí famosi da dover inventare l’ obbligo dell’ ESP di serie…
          ma anche difetti di funzionamento, ergonomia, praticitá o problemi di affidabilitá sono stati scoperti e denunciati da CR.
          regolarmente vengono adattati i test all’ evoluzione tecnica e alle querele da parte degli esperti dell’ industria, che ovviamente non mancano.
          quindi, piú competenza nella tutela del consumatore non ne ha nessuno, anche e soprattutto per quel che riguarda l’ automobile.

          la JD Power é completamente un’ altra storia, questa raccoglie solamente opinioni dei possessori o guidatori, é sí importante, ma bisogna stare attenti, Dacia occupa spesso uno dei primi posti, ma questo non vuol per niente dire che una Dacia sia migliore di altre, ma solo che chi guida Dacia é molto contento di quello che ha, si accontenta di poco.
          che Alfa ha per tradizione uno degli ultimi posti non vuol dire che sia peggio di altre marche, puó essere anche perché la maggiorparte dei clienti deve farsi ogni volta 60 km fino all’ officina dedicata, o perché un punto di vendita gigantesco ha un capo del personale che non capisce niente, quindi in tutta la regione ci sono solo venditori svogliati o incompetenti, o chennesó.
          una Audi perde subito un paio di punti se la maniglia interna non é piú gommata, una Alfa non perde punti neanche se la maniglia fa l’ eco, perché nessuno se ne frega.
          e come sempre, per quanto JDP sia professionale, vale il detto “non credere a nessuna statistica che non hai falsificato tu stesso”…
          con questo non voglio mettere in questione la morale o credibilitá di JDP, ma statistiche non potranno mai essere professionali, per quanto professionalmente siano state fatte.