,

Alfa Romeo Giulia: Specifiche e dettagli dei motori [Ufficiale]

Nella giornata di ieri, Alfa Romeo ha presentato, in anteprima al Salone di Ginevra 2016, la versione base della nuova Alfa Romeo Giulia che sarà ordinabile in Italia a partire dal prossimo 15 di aprile. Per il momento, la casa italiana non ha ancora diffuso alcun dettaglio in merito al listino prezzi con cui la nuova berlina si presenterà nelle concessionarie italiane pur chiarendo diversi aspetti della vettura che sarà disponibile in tre allestimenti (Giulia, Giulia Super e Giulia Quadrifoglio) e con tre differenti motorizzazioni. Di seguito, vediamo nel dettaglio le specifiche rivelate sino ad oggi in merito ai motori della nuova Alfa Romeo Giulia:

2.0 Benzina da 200 CV

La gamma dei motori benzina della nuova Alfa Romeo Giulia si basa sul nuovo motore 2.0 turbo benzina in grado di erogare una potenza massima di 200 CV, disponibili a 5.000 giri al minuto, con una coppia motrice massima esplicata pari a 330 Nm, disponibili a 1.750 Nm. Il motore è un quattro cilindri in linea realizzato interamente in alluminio che presenta il sistema elettroidraulico di attuazione valvole MultiAir. Grazie, inoltre, al sistema di sovralimentazione “2-in-1” e l’iniezione diretta con sistema ad alta pressione da 200 bar, il propulsore dovrebbe garantire una risposta estremamente pronta ai comandi dell’acceleratore con, nello stesso tempo, un’alta efficienza per quanto riguarda i consumi di carburante. Stando a quanto rivelato sino ad oggi da Alfa Romeo, la Giulia con motore 2.0 benzina da 200 CV sarà abbinabile unicamente ad un cambio automatico ad 8 marce.                                    

Ricordiamo che in occasione del Salone di Los Angeles 2016, Alfa Romeo USA ha confermato l’esistenza del motore 2.0 turbo benzina da 280 CV realizzato interamente in alluminio. Quest’unità potrebbe arrivare sul mercato europeo nel corso del secondo semestre dell’anno in corso, in parallelo al lancio commerciale della Giulia in Nord America. Alfa Romeo Giulia

2.2 Diesel da 150 CV o 180 CV

Il nuovo motore 2.2 Diesel rappresenta la proposta commercialmente più importante per la nuova Alfa Romeo Giulia. Si tratta del primo motore Diesel di Alfa Romeo costruito interamente in alluminio. Il propulsore in questione presenta quattro cilindri in linea e può contare sul sistema d’iniezione di ultima generazione MultiJet II con Injection Rate Shaping (IRS) e pressioni d’esercizio di 2.000 bar. Questo nuovo motore 2.2 Diesel monta un turbocompressore a geometria variabile che minimizza i tempi di risposta massimizzando l’efficienza di funzionamento.

La Giulia in versione Diesel sarà disponibile in due step di potenza. La proposta entry level presenta 150 CV di potenza massima, disponibili a 4 mila giri al minuto, e 380 Nm di coppia massima, disponibili a 1.500 giri al minuto. La versione top, invece, presenta una potenza massima di 180 CV, disponibili a 3.750 giri al minuto, con un valore massimo della coppia esplicata pari a 450 Nm a 1.750 giri/min. Alfa Romeo non ha ancora specificato i valori di consumo di carburante e emissioni di CO2 in atmosfera di queste due unità. In ogni caso, entrambi i nuovi 2.2 Diesel saranno abbinabili sia al cambio automatico ad 8 rapporti che al cambio manuale a sei marce. Alfa Romeo Giulia 1

 2.9 BiTurbo benzina da 510 CV

Come ben noto già dallo scorso giugno, in occasione della presentazione di Arese, la nuova Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio potrà contare sul esclusivo 2.9 BiTurbo da 510 CV ispirato da “tecnologie e tecniche Ferrari”. Si tratta di un 6 cilindri realizzato completamente in alluminio, al fine di ridurre i pesi assoluti della vettura ed in particolare il carico sull’anteriore, in grado di erogare una potenza massima di 510 CV con un valore della coppia pari a 600 Nm.

Grazie a questo propulsore, la Giulia Quadrifoglio raggiunge una velocità massima di 307 km/h con un’accelerazione 0-100 km/h completata in 3.9 secondi. Il motore della berlina garantisce ottime prestazioni, Alfa Romeo lo definisce “Best in class”, anche per quanto riguarda le emissioni di CO2, pari a 198 grammi al chilometro nella variante con cambio manuale a sei marce, e consumi di carburante, grazie al sistema di disattivazione dei cilindri.

Continuate a seguirci anche nel corso dei prossimi giorni per tutti gli aggiornamenti legati alla nuova Alfa Romeo Giulia ed a tutte le novità che debutteranno al Salone di Ginevra.

Lascia un commento

Loading…

Alfa Romeo in Formula 1: Marchionne conferma “Il ritorno non è imminente”

Mercato auto: Vendite in crescita del +27% in Italia a febbraio, bene FCA (+32%)