,

Klaus Busse è il nuovo capo del design di Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Abarth e Lancia

In questi giorni registriamo un importante avvicendamento dirigenziale in casa FCA con il designer tedesco Klaus Busse che, dopo oltre sette anni di lavoro come capo dell’interior design di Chrysler, RAM, Dodge e Jeep, arriva in Italia per diventare il nuovo capo del design dei marchi italiani del gruppo FCA ovvero Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Abarth e Lancia. A Busse, che vanta una decennale esperienza come designer in Mercedes prima del passaggio a Chrysler, sarà quindi affidato il compito, quanto mai importante di gestire tutto il settore design dei marchi italiani del gruppo. A dare l’annuncio della nuova nomina è stato lo stesso Klaus Busse che su Twitter ha definito i marchi che andrà a dirigere come la sua “nuova famiglia”.

Inutile sottolineare come il ruolo di Busse nel corso dei prossimi anni sarà fondamentale soprattutto per il marchio Alfa Romeo che, da qui al 2018, sarà chiamato a compiere un deciso passo in avanti verso un futuro pieno zeppo di successi. Come sappiamo, infatti, il marchio italiano ha in programma, oltre alla Giulia, ben sette nuovi progetti ancora completamente inediti che debutteranno sul mercato entro la fine del 2018, anno in cui il marchio italiano dovrà raggiungere, secondo il piano industriale di FCA, la ragguardevole quota di 400 mila unità vendute all’anno in tutto il mondo.

Più “tranquillo” per Busse sarà la gestione dei marchi Fiat e Maserati, la cui gamma di veicoli per i prossimi anni è già stata praticamente svelata, con il debutto della nuova Fiat Tipo, o sarà svelata a brevissimo, con la presentazione del nuovo SUV Maserati Levante. Tante novità anche per il marchio Abarth, destinato ad ampliare progressivamente la sua gamma con nuovi progetti, mentre per Lancia possiamo immaginare che il lavoro da fare sarà decisamente ridotto.

Lascia un commento

Loading…

Ferrari F12tdf ufficiale: 780 CV di potenza e prestazioni incredibili

Alfa Romeo protagonista ad Auto e Moto d’Epoca 2015, in mostra anche la Giulia Quadrifoglio