FCA: Vendite record negli USA, Fiat sempre più in crisi (-30% a giugno)

di -
Jeep Cherokee

Si chiude il primo semestre anche per il mercato dell’auto degli Stati Uniti e le notizie per FCA sono piuttosto positive. Il sesto mese dell’anno in corso, infatti, si è chiuso con una crescita di  +8.2% per il gruppo italo americano con un totale di 185,035 unità vendute ed una quota di mercato pari al 12.5%. Se consideriamo i primi sei mesi del 2015, inoltre, registriamo come FCA abbia commercializzato ben 1,082,143 di unità con una crescita, rispetto al primo semestre del 2014, del +6.1% ed una quota di mercato pari al 12.7%. Ottimi risultati, senza alcun dubbio, anche se il calo di Dodge RAM e del marchio Fiat, in netta crisi oltreoceano, desta qualche preoccupazione.

A trainare la crescita di FCA nel primo semestre del 2015 negli USA, manco a dirlo, è il marchio Jeep che continua il suo programma di crescita con 401,689 unità vendute nei primi sei mesi dell’anno che si traducono in una crescita del +20.7% rispetto al primo semestre dello scorso anno. In particolare, segnaliamo l’ottimo risultato della Jeep Cherokee che contribuisce alle vendite di Jeep con 105,426 unità vendute ed una crescita del +31% rispetto allo scorso anno. Molto bene anche la Jeep Patriot (59,635 e +36% rispetto allo scorso anno).

Buoni risultati per FCA arrivano anche dal marchio Chrysler che con 170,248 unità vendute nel primo semestre dell’anno registra una crescita del 20.7% rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. A trainare il brand Chrysler ci pensano le 106,569 unità vendute della Chrysler 200. Calano del -6.4% le vendite di Dodge RAM che raggiunge quota 488,088 unità nel primo semestre. Prima di passare all’analisi del marchio Fiat, segnaliamo le 295 unità di Alfa Romeo vendute nei primi sei mesi dell’anno. 

Fiat in crisi negli USA

Per Fiat il primo semestre dell’anno negli USA si è chiuso in modo davvero negativo con un calo, nel mese di giugno, del -30% rispetto al giugno del 2014. Considerando il primo semestre dell’anno, invece, Fiat ha distribuito negli USA un totale di 21,798 unità con un calo del -12.7% rispetto al primo semestre dello scorso anno. A contribuire in misura sostanziale al calo di Fiat negli USA sono gli scarsi risultati di vendita della Fiat 500, che fa registrare un calo del -15% rispetto al primo semestre dell’anno passato, e della 500L (-19%). Il nuovo crossover 500X, invece, registra ancora volumi di mercato molto bassi con una fase di commercializzazione che è ancora agli inizi. Ricordiamo, infatti, che le prime unità del crossover sono arrivate negli USA sul finire del mese di maggio.  Nei prossimi mesi, in ogni caso, a risollevare le vendite di Fiat oltreoceano potrebbe pensarci la nuova Fiat 500 presentata ufficialmente nella giornata di oggi.