in ,

Lombardia contro Milano: così si crea l’alternativa all’auto?

La Regione e il Comune litigano sulla mobilità pubblica. Che dovrebbe essere la soluzione contro lo smog

Lombardia contro Milano. Ma prima di andare al dunque, una premessa: da anni ci viene detto dalla politica che l’auto è il male, perché inquina, sporca, occupa spazio. La soluzione sono i blocchi del traffico e l’uso dei mezzi pubblici. Anche a Milano e in Lombardia. Anzi, soprattutto in quell’area, dove l’inquinamento è tale che l’Unione europea vuole appiopparci una multa da un miliardo di euro. Alla faccia delle limitazioni alla circolazione, che evidentemente fanno flop. Al di là dei continui scioperi dei mezzi pubblici che mettono in ginocchio Milano (anche nelle prossime ore sarà un inferno), il problema è che Regione Lombardia e Comune di Milani litigano. Così si crea l’alternativa all’auto? Coi politici che battibeccano su smog e mobilità?

Lombardia contro Milano

Tutto nasce nelle scorse ore: la Regione Lombardia ha cambiato le regole che aveva scritto nel 2012. È stato approvato un emendamento che modifica la governance delle Agenzie del trasporto pubblico locale. Durissima la replica del Comune di Milano: la Regione si sarebbe mossa senza averne parlato con Agenzie, Province, Città metropolitana e Comuni. Parola dell’assessore alla Mobilità, Marco Granelli. In questo modo, che i politici trovino un’alternativa valida all’auto diventa arduo.

Agenzia di Bacino che rappresenti tutti

Granelli punta a un’Agenzia di Bacino che rappresenti tutti i Comuni della Città metropolitana e della provincia di Monza e Brianza: parliamo di 4 milioni di persone, quasi metà della Lombardia. Obiettivo: l’Agenzia del Trasporto pubblico deve restare in grado di lavorare bene e di rappresentare tutti, di far crescere il servizio e di bandire gare nel massimo equilibrio e nella trasparenza.

Stoccata finale dell’assessore Granelli alla Regione Lombardia

Granelli attacca: non vuole che ragioni esclusivamente politiche o di poltrone condizionino un servizio fondamentale per la vita delle persone e delle imprese. Se così stanno le cose, Granelli si dice pronto a cercare gli strumenti per evitare che il trasporto pubblico locale gestito da Atm diventi inefficiente come quello di Trenord. Della Regione Lombardia.

Come per i blocchi delle diesel

Il litigio Lombardia contro Milano va avanti da anni. Per esempio, quando il Comune ha bloccato le diesel più vecchie, la Regione si è opposta. E ha replicato con la scatola nera. È il progetto Move-In: i possessori, persone fisiche e giuridiche, di autoveicoli Euro 0 a benzina, Euro 0 diesel, Euro 1 diesel, Euro 2 diesel ed Euro 3 diesel ne possono approfittare. A certe condizioni e con alcuni limiti, montando la scatola nera, pur avendo una macchina vecchia possono circolare. Così la Regione Lombardia ha inteso proteggere chi non ha i soldi per comprare un’auto nuova.