in

La Francia spera che ‘la porta non sia del tutto chiusa’ sulla fusione FCA / Renault

Il ministro del bilancio francese Gerald Darmanin ha detto di sperare che la porta non sia “chiusa” sulla possibilità di una fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e Renault

Il ministro del bilancio francese Gerald Darmanin ha detto di sperare che la porta non sia “chiusa” sulla possibilità di una fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e Renault e ha aggiunto che la Francia sarebbe felice di riesaminare ogni nuova proposta di FCA. “I colloqui potrebbero riprendere in futuro”, ha detto Darmanin alla radio FranceInfo giovedì. In precedenza, Fiat Chrysler ha dichiarato di aver abbandonato l’offerta di fusione da 35 miliardi di dollari per Renault, incolpando la politica francese per l’affondamento di quello che sarebbe stato un accordo fondamentale per la creazione della terza più grande casa automobilistica del mondo. FCA ha detto che “le condizioni politiche in Francia non esistono al momento per una tale combinazione per procedere con successo”.

Il ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire, ha detto oggi che il governo francese si è impegnato in modo costruttivo, ma non è riuscito a ottenere il sostegno del partner giapponese della Renault, Nissan. “Era stato raggiunto un accordo su tre delle quattro condizioni: ciò che restava da ottenere era il sostegno esplicito di Nissan”, ha affermato Le Maire. Le quattro condizioni della Francia erano: Rispetto dell’alleanza esistente di Renault con Nissan, mantenere posti di lavoro in Francia, formare una struttura di governo societario equilibrata tra Renault e FCA e garantire che la nuova società si impegni a sviluppare batterie elettriche insieme alla Germania.

I funzionari del governo francese avevano spinto Nissan a sostenere la fusione. Nissan aveva detto che si sarebbe astenuta. Renault ha dichiarato che il suo consiglio di amministrazione “non è stato in grado di prendere una decisione a causa della richiesta espressa dai rappresentanti dello stato francese di rinviare la votazione a una riunione successiva”. Le Maire ha affermato che Renault è ben posizionata nel settore automobilistico e ben posizionata per affrontare sfide come lo sviluppo di veicoli elettrici e la riduzione delle emissioni. Il governo francese è il maggiore azionista della Renault con una quota del 15%.