in

Carlos Tavares: “La politica è bloccata dai dogmi”

Il numero uno di Stellantis, l’amministratore delegato Carlos Tavares è convinto che la politica sia eccessivamente bloccati sui dogmi

Carlos Tavares
Carlos Tavares

Con la presentazione del New Green Deal europeo da parte della Commissione Europea, molto cambierà nel campo dell’energia e della mobilità nei prossimi anni. Il gruppo Stellantis in virtù di ciò sta apportando innumerevoli cambiamenti. Il CEO di Stellantis, Carlos Tavares, ci offre uno sguardo esclusivo dietro le quinte e sottolinea che fanno sul serio. “Stampiamo denaro per far andare avanti le cose. L’inflazione è in agguato, è tutto molto prevedibile. I politici vedono che il riscaldamento globale è serio. In effetti, sono in ritardo con questo. Ma è tutt’altro che sufficiente cambiare solo la mobilità. Investiamo miliardi nella tecnologia e nello sviluppo delle batterie. Ma raggiungeremo davvero questi obiettivi di CO2? “

“Il resto della società è in ritardo. Il mondo dell’auto è stato facile da modificare. Se si guarda al mondo automobilistico, è chiaro che gli sviluppi verso le emissioni zero stanno accelerando. In effetti avevamo anticipato da tempo le ultime decisioni della Commissione Europea, ma vedremo come si concretizzerà nel prossimo futuro. In ogni caso non c’è tempo per espedienti e storie di pubbliche relazioni, dobbiamo muoverci in fretta”.

Entro il 2030, venderemo dal settanta all’ottanta percento di BEV e PHEV. Opel passerà completamente all’elettrico entro il 2028. Stellantis è completamente in modalità esecutiva. Sei mesi dopo la nostra nascita nella nuova forma, stiamo andando a tutto gas con la strategia di integrazione verticale discussa in precedenza. Il vantaggio è che stiamo già beneficiando delle nostre decisioni prese sei o sette anni fa. Lavoreremo su tutta la gamma di Stellantis con le quattro piattaforme avanzate e mirate. L’asticella è alta, pensa a un’autonomia da 500 a 800 chilometri rispettivamente per modelli più compatti e più grandi. Le gigafactory giocheranno un ruolo chiave per la tecnologia delle batterie, ma anche per i fornitori. Insieme vanno bene per una disponibilità di 266 gWh all’anno,” ha aggiunto Tavares.

Dalla fabbrica di motori alla produzione di batterie, a quanto pare c’è un significativo cambio di rotta? “Assolutamente sì, ma non abbiamo paura di questa nuova gara. È come la Formula 1: cambiare le regole e creare un nuovo campo di gioco per le squadre. Quindi questo sta accadendo ora. Stiamo passando dal mondo del motore a combustione a quello elettrico e lo vediamo come un’opportunità.”

Stellantis lo affronta con lo spirito di una gara. Quello che penso ci dia un vantaggio importante è la riduzione dei costi. Il talento di tutti i nostri brand per mantenere accessibile anche la mobilità elettrica. Il mercato resta il mercato. Se sei in grado di assorbire il 40% del costo aggiuntivo di un veicolo elettrico più velocemente dei tuoi concorrenti, lo vedrai riflesso nei tuoi margini. Tra oggi e il 2025, vedrai i margini netti nel settore sotto forte pressione. Ci impegniamo a riportare quei margini AOI a due cifre entro cinque anni. Possiamo anche essere redditizi con emissioni zero” ha detto Carlos Tavares.

“La guida elettrica è una decisione puramente politica. Il vero dibattito dovrebbe riguardare come limitare nel modo più efficiente le emissioni di CO2 per tonnellata. L’ho presentato ovunque possibile, ma i politici sono intrappolati nei dogmi. C’erano alternative migliori, più efficienti dal punto di vista ambientale e più economiche, ma non sembra essere un problema il fatto di stare facendo enormi debiti per questo. Bisognerà vedere se è stata una buona scelta per i nostri figli” ha concluso Carlos Tavares.

Ti potrebbe interessare: Carlos Tavares: ecco cosa ha detto sul futuro di Stellantis

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento