in

Standard & Poor’s ha annunciato di aver migliorato il rating di credito a lungo termine di Fiat Chrysler

Lunedì la società di rating Standard & Poor’s ha annunciato di aver migliorato il rating di credito a lungo termine per Fiat Chrysler a BBB-

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Le prospettive a breve termine per la casa automobilistica italo americana Fiat Chrysler stanno migliorando mentre si avvia verso la sua fusione con la rivale francese Peugeot, con un miglioramento del rating del credito e notizie positive sulle vendite dai maggiori mercati esteri della società. La fusione da 38 miliardi di dollari USA è in procinto di essere completata durante i primi tre mesi di quest’anno.

Lunedì la società di rating Standard & Poor’s ha annunciato di aver migliorato il rating di credito a lungo termine per Fiat Chrysler a BBB-, da BB +, un elevato grado di investimento. L’azienda ha affermato che la maggiore stabilità derivante dalla fusione che sarà completata a breve è stato il fattore principale alla base degli aggiornamenti.

Per il debito a breve termine, il rating dell’azienda è stato portato ad A-3 da B. Un rating A-3 è il terzo livello del livello di investimento più alto per Standard & Poor’s.

Nel frattempo, le vendite di Fiat Chrysler in Brasile – il terzo mercato più importante della casa automobilistica dopo gli Stati Uniti e l’Italia, sono state più forti del previsto per dicembre.

Banca Akros, con sede a Milano, stima che i guadagni di Fiat Chrysler in Brasile ammonteranno a circa 100 milioni di euro (122 milioni di dollari USA) al lordo delle tasse a dicembre sulle vendite di 195.000 auto per il mese. Si tratta di un 9,5% in meno rispetto allo stesso mese del 2019, ma più del doppio dei 43 milioni di euro che Banca Akros aveva stimato.

Sempre lunedì, l’ex primo ministro italiano e presidente della Commissione europea Romano Prodi ha aggiunto la sua voce alle figure di alto profilo in Italia che chiedono al governo italiano di acquisire una partecipazione finanziaria in Fiat Chrysler, che diventerà una partecipazione in Stellantis una volta la fusione. è completo.

Prodi ha affermato che una tale partecipazione darebbe voce al governo nelle operazioni di Stellantis, comprese le decisioni che potrebbero avere un impatto sulla sicurezza nazionale o sull’economia italiana, come la possibile chiusura di impianti.

Insieme alla famiglia fondatrice Peugeot e al gruppo cinese Dongfeng Motor, il governo francese è uno dei principali azionisti di Peugeot, il che significa che sarà anche un azionista significativo di Stellantis.

Quando la Fiat italiana si è fusa con Chrysler con sede negli Stati Uniti nel 2011, ha acquistato le partecipazioni in Chrysler detenute dal Tesoro degli Stati Uniti e dal governo canadese.

La scorsa settimana, il viceministro delle finanze italiano Antonio Misiani ha affermato che il governo sta studiando la possibilità di acquisire una partecipazione in Fiat Chrysler che si tradurrebbe in una quota di Stellantis equivalente alla quota del 6,2% che sarà detenuta dal governo francese. Ma Misiani ha detto che una simile mossa sarebbe soggetta a condizioni che “non esistono al momento”.

Gli azionisti di Fiat Chrysler e Peugeot hanno votato in modo schiacciante per approvare la fusione il 4 gennaio, l’ultimo ostacolo prima che l’accordo potesse concludersi. L’unificazione delle società sarà completamente effettiva il 16 gennaio, con le azioni di Stellantis negoziate nelle borse di Milano e Parigi al posto delle azioni Fiat Chrysler e Peugeot a partire dal 18 gennaio e a New York il giorno successivo.

Ti potrebbe interessare: Jefferies si attiene al rating Buy per Fiat Chrysler

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI