in

FCA: un team di ricercatori USA pronto a confermare le accuse del caso dieselgate

Si tratta dello stesso team che ha inchiodato Volkswagen

Il caso dieselgate continua ad occupare le prime pagine dei quotidiani in Nord America ed FCA continua ad essere protagonista negativa della situazione. Stando a quanto riporta oggi il Wall Street Journal, un team di ricercatori indipendente appartenente alla West Virginia University, lo stesso che mise in evidenzia la discrepanza tra i dati reali e i dati omologati dei motori diesel di Volkswagen, sarebbe pronto a pubblicare un report dettagliato legato ai test di laboratorio eseguiti su alcuni motori prodotti da FCA.

Tale report, che prende in esame i motori diesel installati tra il 2014 ed il 2015 sulla Jeep Grand Cherokee e su alcuni pick-up Ram, metterebbe in luce risultati decisamente differenti tra i test eseguiti in laboratorio ed i dati emersi dai test di omologazione dei suddetti motori. E’ chiaro che, oramai, questi motori di FCA sono sotto continua analisi e l’ente di protezione ambientale americano Epa e lo Stato della California hanno accusato FCA di aver alterato i test sulle emissioni su questi motori.

E’ bene sottolineare che, almeno per il momento, la West Virginia University non ha commentato le indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal in queste ore e, quindi, non è possibile confermare, in modo preciso, gli esatti modelli di propulsori diesel coinvolti. Ulteriori dettagli sulla questione e sulle possibili conseguenze del nuovo caso dieselgate che coinvolge FCA negli USA arriveranno, senza dubbio, nel corso delle prossime settimane.

Fonte

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia: un video promozionale presenta l’offerta di giugno

Maserati: nel 2016 registrati utili per 46,7 milioni di Euro