in

Fiat Chrysler: 3 nuove Jeep saranno prodotte in USA, si prevedono 2.000 posti di lavoro

Fiat Chrysler Automobiles
Fiat Chrysler Automobiles

Fiat Chrysler aggiungerà tre nuove Jeep alla sua gamma tra cui un pick-up. Per questo investirà oltre un 1 miliardo di dollari in due fabbriche degli Stati Uniti, promuovendo i suoi sforzi per aumentare la produzione di SUV  e Pick Up al posto delle classiche berline.

Questo investimento, secondo quanto riporta il comunicato di FCA, creerà 2.000 nuovi posti di lavoro. La casa automobilistica italo americana ha detto Domenica che verrà ammodernata una fabbrica a Warren, Detroit, Michigan, dove verranno prodotte le nuove Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer, due grandi SUV, di cui già si parla da un po’.

Fiat Chrysler: 3 nuove Jeep tra Michigan e Ohio

Un complesso industriale a sud di Toledo, in  Ohio, invece sarà ristrutturato al fine di ospitare la produzione di un nuovo pick-up sempre targato Jeep. La società non ha fornito dettagli sui nuovi prodotti, ma ha detto che il lavoro in fabbrica sarebbe partito nel 2020.

I consumatori di tutto il mondo hanno spostato la loro attenzione negli ultimi anni negli USA sempre più verso SUV e Pick Up, mentre sempre meno interesse questi hanno manifestato nei confronti di berline e monovolume. Lo scorso anno negli Stati Uniti, le vendite di automobili sono scese del 7 per cento, mentre Pick Up e SUV hanno visto aumentare le proprie vendite dell’8 per cento.

A Warren forse verranno prodotti anche alcuni Pick Up Ram originariamente destinati al Messico

L’anno scorso, Fiat Chrysler ha annunciato l’intenzione di fermare la produzione delle berline Dodge Dart e Chrysler 200 a causa delle vendite molto basse.  Le fabbriche che producevano questi modelli a Sterling Heights, Michigan, e Belvidere, Illinois., otterranno nuovi Pick Up e SUV da produrre.  L’aggiornamento dello stabilimento di Warren consentirebbe anche all’impianto di produrre pickup Ram pesanti che oggi sono prodotti a Saltillo, in Messico.

Al momento però FCA non  ha ancora rivelato se ha in programma di spostare la produzione dei pick up Ram in quello stabilimento.La produzione di veicoli in Messico e la loro spedizione verso gli Stati Uniti è diventata una questione politica spinosa con l’elezione di Donald Trump come presidente degli USA. Trump ha criticato Ford, General Motors e Toyota per la costruzione di piccole macchine in Messico e il trasporto attraverso il confine.

Egli ha minacciato di imporre una grande imposta di confine sulle società in questione. Questi investimenti di Fiat Chrysler dovrebbero espandere la capacità del gruppo italo americano di costruire veicoli in segmenti chiave. Così come dice il CEO Sergio Marchionne: ” Questi veicoli ci permetteranno di soddisfare la crescente domanda qui negli Stati Uniti, ma ancora più importante  ci consentiranno di aumentare le esportazioni dei nostri veicoli di grandi dimensioni verso i mercati internazionali”. 

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Ferrari, Jeep, FCA: Le migliori notizie della settimana (2-8 gennaio)

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: Sergio Marchionne annuncia 3 nuove Jeep e un investimento da un miliardo di dollari negli USA

Leggi anche: Fiat Chrysler: le voci di cessione di Alfa Romeo e Maserati fanno il giro del mondo

Il nuovo Pick Up sarà una variante del suv Wrangler?

Il nuovo pick-up Jeep, che potrebbe essere una versione nuova del SUV Wrangler, sarò il primo pick-up della società a partire dalla metà degli anni 1990. Gli impianti interessati dagli aggiornamenti nei prossimi mesi verranno temporaneamente chiusi per poter essere rimodernati.

Fiat Chrysler ha detto che gli investimenti sono oggetto di negoziati e l’approvazione di incentivi fiscali da parte dei governi locali e statali. La società non ha voluto dire quanto sarebbe stato investito in ogni impianto o in che proporzione i nuovi posti di lavoro sarebbero stati suddivisi tra i vari stabilimenti.

Fiat Chrysler Mirafiori

Fiat Chrysler Mirafiori: operaio in gravi condizioni

Alfa Romeo Giulia Sportwagon

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: Sergio Marchionne ha ancora dubbi