in

Fiat Chrysler accusata di aver licenziato un manager disabile pochi giorni prima del suo intervento

Un ex responsabile della pubblicità sta citando in giudizio Fiat Chrysler che lo avrebbe licenziato per la sua disabilità

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Un ex responsabile della pubblicità sta citando in giudizio Fiat Chrysler Automobiles, sostenendo che i supervisori della compagnia hanno violato le leggi statali e federali prendendo di mira, maltrattandolo, quindi licenziandolo a causa della sua paraplegia e del tempo libero concesso per affrontare questioni mediche.

Il licenziamento di Marc Henretta l’anno scorso, poco prima di un intervento chirurgico programmato, “è stata motivata dall’animus sulla base della disabilità e in rappresaglia per essersi opposto a una violazione dei suoi diritti civili, al richiedere un alloggio per la sua disabilità e al richiedere un congedo medico”, ha affermato la causa intentata mercoledì presso il Tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Detroit. “Fiat Chrysler avrebbe potuto accogliere la disabilità del sig. Henretta, tra l’altro, permettendogli di lavorare da remoto e prendere un congedo medico, senza subire inutili difficoltà.”

Henretta ha iniziato una “lunga e illustre carriera nel marketing e nelle vendite presso Fiat Chrysler”, precedentemente noto come Chrysler, nel 1984, secondo il fascicolo. Un incidente in moto quasi cinque anni dopo lo fece diventare paraplegico, condizioni che associate a mal di stomaco e problemi digestivi, causavano a Henretta di perdere giornate di lavoro 12-20 volte l’anno, cosa che spesso copriva con giorni di ferie, hanno detto i suoi avvocati.

Nel corso della sua carriera, Henretta ha eccelso, “ricevendo regolarmente elogi brillanti dai colleghi e dai suoi superiori e eccellenti valutazioni delle prestazioni, che, a sua volta, gli hanno fatto guadagnare diverse promozioni, aumenti del suo stipendio e bonus”, ha detto il documento. Alla fine è diventato responsabile della pubblicità al dettaglio, compresa la supervisione degli annunci con il marchio Jeep e ha fatto parte del Diversability Team di FCA, nonché del consiglio di amministrazione di un’altra iniziativa sulla diversità, secondo la causa.

I problemi non sono iniziati fino al 2017, afferma la causa, quando è arrivato un nuovo supervisore e ha immediatamente iniziato a “presentare lamentele ingiustificate sulle prestazioni lavorative del signor Henretta. Quella persona ha anche tirato fuori Henretta dai progetti commerciali, lo ha rimosso dal marchio Jeep. All’inizio del 2018, Henretta ha avvisato il personale delle risorse umane del suo trattamento, ma nulla è cambiato, quindi ha presentato un reclamo interno all’ufficio di FCA Equal Employment Opportunity Compliance, che “ha dichiarato che non c’erano prove sufficienti a supporto di una conclusione di discriminazione”, la causa sostiene.

Successivamente, il supervisore lo ha escluso dalle riunioni, ha messo in discussione il suo lavoro e ha iniziato a monitorare gli andirivieni di Henretta, secondo il fascicolo. Henretta si è nuovamente lamentato per le risorse umane e l’ufficio di conformità, che “non è riuscito a condurre un’indagine efficace sulle accuse del sig. Henretta e ha emesso una constatazione, il 18 dicembre 2018, che la direzione non si era vendicata contro di lui”.

Il mese successivo, lo stesso funzionario delle risorse umane Henretta si era lamentato di avergli detto che le sue assenze per la salute dal 2018 erano “inaccettabili”, ma non ha menzionato il diritto di chiedere un congedo ai sensi dell’FMLA. La legge consente ai lavoratori ammissibili fino a 12 settimane di congedo continuo o intermittente per una grave condizione di salute che li rende incapaci di lavorare. Henretta sostiene di aver in seguito ricevuto la prima lettera disciplinare della sua carriera per aver perso 10 giorni a causa di più dolori alle mani e allo stomaco. Ad agosto, otto giorni prima dell’intervento chirurgico alla mano, Henretta è stato informato del suo licenziamento per mancanza di lavoro una volta il mese precedente a causa di problemi digestivi in ​​corso, secondo la causa.

I rappresentanti della Fiat Chrysler hanno dichiarato in una nota: “La FCA non è stata condannata in questa causa e quindi non può commentarla. Tuttavia, la società non tollera discriminazioni di alcun tipo sul posto di lavoro in base all’età, alla razza, al colore di una persona , religione, origine nazionale, sesso, orientamento sessuale o disabilità. Tutte le rivendicazioni di discriminazione sono prese sul serio e indagate a fondo e in modo tempestivo e tutte le violazioni sono punibili fino alla risoluzione inclusa.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento