Subaru si evolve: pieno di novità elettriche

Ippolito V
Subaru annuncia tanti modelli elettrici in arrivo: la sua transizione verso una mobilità sostenibile e i dettagli dell’accordo con Toyota.
Subaru

Subaru lancerà sul mercato ben otto nuovi modelli elettrici entro il 2028. In una nota ufficiale, la Casa delle Pleiadi svela ufficialmente le sue intenzioni per quanto riguarda la transizione verso la mobilità sostenibile. Secondo quanto riferisce, entro il 2026 immetterà nelle concessionarie tre nuovi SUV a batteria, che andranno a comporre un quartetto insieme alla Solterra. Successivamente, altri quattro modelli arriveranno nei due anni successivi.

Subaru lancerà 8 modelli elettrici entro il 2028. Tre SUV a batteria entro il 2026, nuovo quartetto con Solterra. Grazie a Toyota, cambiamento sul mondo

Subaru Solterra

Questo massiccio investimento è reso possibile grazie alla proficua collaborazione con Toyota. Grazie alla sinergia siglata, sarà possibile accelerare il processo di transizione, in linea con le direttive della politica mondiale. Anche se naturalmente ci interessano principalmente le decisioni prese dall’Unione Europea, il cambiamento sta avvenendo in ogni angolo del pianeta. Inoltre, Subaru ha rivisto al rialzo le previsioni di vendita. Mentre in precedenza aveva dichiarato di puntare al 40 per cento del mix di veicoli ibridi e a zero emissioni alla fine del decennio, adesso la strategia è cambiata. Infatti, le auto elettriche costituiranno il 100 per cento della gamma a partire dal 2030. Grazie ai risultati ottenuti, Subaru prevede di aumentare il numero di veicoli prodotti, passando dalle 850.000 unità del 2022 a 1,2 milioni nel 2030.

Con questi numeri, la gamma delle elettriche passerà da uno a ben otto in circa cinque anni. Per farlo, l’azienda attuerà un’ampia ristrutturazione delle proprie strutture produttive. Attualmente, produce veicoli a combustione interna ed elettrificati in Giappone e solo a benzina negli Stati Uniti. Tra due anni inizierà la produzione della Solterra, la prima elettrica della famiglia, derivata dalla Toyota bZ4X, che è appena arrivata in Italia. Gli assemblaggi avverranno nelle catene di montaggio della Toyota Motor Motomachi, situata nella prefettura di Aichi, in Giappone, sebbene non siano state ancora rilasciate comunicazioni ufficiali in proposito.

Successivamente, nel 2027, inizierà la produzione delle elettriche anche negli Stati Uniti, dove verrà costruita un’impianto dedicato nei pressi di Tokyo, per un investimento di 1,8 miliardi di euro. In un periodo in cui l’industria automobilistica sta attraversando notevoli cambiamenti, la compagnia giapponese aspira a svolgere un ruolo di primo piano. Non solo a livello nazionale, ma altresì a livello globale, grazie alla fruttuosa partnership con il gruppo Toyota. La maggior parte dei nuovi modelli sarà di tipo SUV, in linea con le attuali tendenze di mercato, in cui i SUV continuano a godere di grande popolarità.

Marca:    Argomento: 
Share to...