Scoperto deposito di fosfato sufficiente a soddisfare la domanda di batterie per veicoli elettrici per 50 anni

Avatar photo
Mentre la maggior parte della roccia fosfatica del mondo viene utilizzata per creare fertilizzanti, sta rapidamente diventando un componente vitale per le batterie dei pannelli solari e dei veicoli elettrici.
Auto elettriche fosfato

Le auto elettriche nei prossimi anni inevitabilmente si diffonderanno in tutto il mondo data la decisione dei principali governi di vietare le vetture con motori a combustione. Ovviamente questa transizione crea problemi agli automobilisti e alle case automobilistiche. Tra le tante problematiche di cui si discute a proposito degli EV anche la possibile carenza di materie prime necessarie per la produzione delle loro batterie. Tuttavia una recente scoperta potrebbe aver risolto gran parte di questi problemi. Nei giorni scorsi infatti è stato scoperto un enorme giacimento di fosfato che potrebbe soddisfare la domanda di batterie per auto elettriche e pannelli solari. Il fosfato è una sostanza chimica essenziale per la produzione di batterie al litio-ferro-fosfato (LFP), che sono usate nelle auto elettriche e nei sistemi di accumulo di energia solare. Tuttavia, il fosfato è una risorsa limitata e la sua estrazione comporta problemi ambientali e sociali.

Una società mineraria ha individuato un deposito di 77,1 miliardi di fosforo: problemi risolti per le auto elettriche?

Una società mineraria chiamata Norge Mining ha individuato un deposito di 77,1 miliardi di tonnellate di roccia fosfatica nel sud-ovest della Norvegia, spingendo gli esperti a stimare che la fornitura coprirà il fabbisogno di batterie per auto elettriche, batterie solari e fertilizzanti per circa 50 anni. Il giacimento, si estende per circa 200 chilometri quadrati e contiene miliardi di tonnellate di fosfato, con una concentrazione media del 22%. Si tratta del più grande e più puro giacimento di fosfato mai scoperto.

I ricercatori hanno usato una tecnica chiamata spettroscopia a fluorescenza a raggi X per analizzare i campioni di roccia prelevati dal giacimento e determinare la quantità e la qualità del fosfato presente. Hanno anche stimato il costo di estrazione e trasporto del fosfato, arrivando alla conclusione che si tratta di un’operazione economicamente vantaggiosa.

Il fosfato estratto potrebbe essere usato per produrre batterie LFP, che hanno diversi vantaggi rispetto alle altre tipologie di batterie al litio nelle auto elettriche. Le batterie LFP sono più sicure, più durature, più economiche e più ecologiche delle batterie al litio-cobalto o al litio-nichel-manganese-cobalto. Inoltre, le batterie LFP non richiedono metalli rari come il cobalto, che sono soggetti a fluttuazioni di prezzo e a problemi etici legati alla loro estrazione.

La scoperta del giacimento potrebbe quindi avere un impatto positivo sullo sviluppo delle auto elettriche e del solare, due settori chiave per la transizione energetica verso fonti rinnovabili e a basso impatto ambientale. Il team di ricerca spera che la sua scoperta possa attirare l’interesse delle industrie e delle autorità per avviare il processo di sfruttamento del giacimento in modo sostenibile e responsabile.

Auto elettriche

Norge Mining sta ora ottenendo i permessi minerari necessari per portare in produzione l’enorme cache. Sebbene il governo norvegese abbia concordato di accelerare i progetti di materie prime all’interno del paese, Norge Mining deve fornire dichiarazioni di fattibilità economica e sicurezza prima che possa iniziare la fase successiva.

Leggi anche: Creata in laboratorio una batteria che aggiunge 161 km di autonomia in 5 minuti

  Argomento:  - 
Share to...