Dacia: crescita record, il brand pronto ad affrontare i cinesi

Avatar photo
Dacia: le vendite del marchio sono aumentate del 24% nella prima metà dell’anno
Dacia

Dacia ha aumentato la sua quota di mercato in Europa dello 0,4%, grazie alle vendite dei suoi due nuovi modelli, Jogger e Spring. Solo nei primi 6 mesi dell’anno, i risultati della Spring, prodotta in Cina, sono cresciuti del 38 per cento e Dacia ha recentemente introdotto un nuovo allestimento Extreme con un sistema di guida più potente.

Sono aumentate notevolmente le vendite di Dacia nella prima metà del 2023

In generale, le vendite del marchio sono aumentate del 24 per cento nella prima metà dell’anno, ma l’azienda si sta preparando a un imminente calo della domanda per i suoi modelli, il motivo è la crescente importazione di auto cinesi, secondo il direttore delle vendite e marketing alla Dacia – Xavier Martinet. La sua previsione arriva sullo sfondo di 345.532 auto vendute in 6 mesi e una crescita del 30% nel mercato principale, quello europeo.

Dacia ha rinnovato la sua immagine lo scorso anno e si sta concentrando sulle “avventure all’aria aperta”, pianificando anche di partecipare al Rally Dakar nel 2025, con la sua auto nella corsa leggendaria guidata dal pilota di rally di maggior successo della storia: Sebastian Loeb. Il marchio rumeno sta cercando di aumentare il prezzo medio di vendita delle sue auto lanciando modelli più costosi – come l’ibrido Jogger – e con livelli di equipaggiamento più elevati. “Il prezzo medio di vendita delle nostre auto in Europa è di circa 17.500 euro, con il 70 per cento degli acquirenti che sceglie gli allestimenti più alti. Questo ci fa pensare che possiamo uscire da questa crisi economica più forti di altri brand”, spiega Martinet.

L’amministratore delegato del Gruppo Renault, Luca de Meo, ha fissato l’obiettivo di un margine operativo del 15 per cento per Dacia nel 2030, rispetto al 10 per cento attuale. Nella prima metà dell’anno, il marchio rumeno è stato il secondo bestseller nel retail ai clienti privati ​​in Europa dopo Volkswagen, detenendo già una quota di mercato di ben l’8,4 per cento, che rappresenta il miglior risultato nella storia di Dacia.

L’aumento delle vendite è stato in gran parte dovuto all’attenuazione della carenza di componenti e alla continua ripresa del settore dopo il calo della produzione e delle vendite dovuto al coronavirus. Martinet sottolinea che i problemi logistici iniziati nella seconda metà del 2022 stanno ancora ritardando le consegne in Francia e in Italia.

Al momento, il modello più costoso del marchio è il Dacia Jogger Hybrid 140, i cui prezzi partono da 25.000 euro . Negli ultimi mesi anche le sue forniture hanno rallentato a causa dell’incertezza economica legata ai tassi di cambio sfavorevoli in alcuni paesi. Tuttavia, Dacia non ridurrà i prezzi, ma aumenterà la produzione. Gli stabilimenti in Romania e Marocco operano ora a pieno regime su 3 turni, 6 giorni alla settimana.

“La nostra strategia è sempre stata quella di produrre un’auto in meno rispetto a quanto richiesto dai clienti. Se il mercato rallenta, adegueremo la produzione, è così semplice”, ha commentato Martinet. E aggiunge che il prezzo medio di una Dacia nuova è circa la metà del prezzo generale per l’Europa , che è di 35.000-38.000 euro.

Dacia Spring

“Anche quando Dacia ha lanciato modelli più costosi, i prezzi sono rimasti inferiori di circa il 12 per cento rispetto alla concorrenza. Nel 2019, questa cifra era del 25 per cento. Nel complesso, abbiamo ridotto il nostro divario di prezzo rispetto alla concorrenza fino al 50 per cento, che era il nostro piano. Ciò dimostra che il marchio sta diventando più attraente per gli acquirenti. Fino a poco tempo fa si guardava solo a Dacia per i prezzi bassi, ma l’aumento delle vendite a prezzi più alti dimostra che le cose stanno cambiando”, aggiunge Martinet.

Il responsabile delle vendite di Dacia ammette che i marchi cinesi stanno diventando una minaccia per il produttore rumeno. Secondo lui, i cinesi si stanno facendo avanti con proposte molto forti, soprattutto nelle auto elettriche, ma Dacia ha le sue carte vincenti per affrontare queste sfide. Uno di questi è il nuovo Duster, che uscirà il prossimo anno. Successivamente, il marchio lancerà il SUV più grande, il Bigster, costruito su una versione estesa della piattaforma CMF-B. Dovrebbe essere il modello di punta e più costoso del marchio.

Marca:    Argomento: 
Share to...