Toyota smetterà di vendere auto a benzina e diesel in Europa

Avatar photo
a notizia è stata annunciata dal Chief Operating Officer di Toyota Europe, Matt Harrison
Toyota

Toyota smetterà di produrre auto a benzina e diesel per il mercato europeo dal 2035, concentrandosi sui veicoli elettrici, ha riferito Automobilwoche. La notizia è stata annunciata dal Chief Operating Officer della casa giapponese in Europa, Matt Harrison, durante un’intervista all’Automotive News Europe Congress di Parigi. Ha spiegato che il produttore non supporta lo standard sulle emissioni Euro 7 proposto dall’UE  per ridurre le emissioni nocive. Il marchio ritiene che la produzione di auto a benzina e diesel secondo questi standard diventerà troppo costosa e le auto a GPL saranno offerte in altri paesi.

Toyota smetterà di produrre auto a benzina e diesel per il mercato europeo dal 2035

Harrison ha detto che si aspettava che i nuovi regolamenti fossero “un po’ più realistici” o annacquati. Gli standard attuali impongono alle case automobilistiche di ridurre le emissioni di CO2 del 55% entro il 2030 rispetto al 2001 come riferimento. Il leader di Toyota Europe prevede che la quota di auto elettriche del produttore nipponico in Europa crescerà dallo 0% nel 2022 al 15% nel 2025 e al 55% nel 2030. Harrison ha aggiunto: “Saremo pronti a vendere il 100% di BEV dal 2035”.

Per quanto riguarda la localizzazione della produzione in Europa, Harrison ha affermato: “Non ha senso localizzare finché non arriviamo alla giusta scala, e al 15 percento nel 2025, non ci saremo ancora”. Ha aggiunto che non hanno in programma di produrre batterie per veicoli elettrici in Europa nel prossimo futuro, ma a lungo termine è possibile.

Toyota punta a 1,5 milioni di veicoli elettrici venduti entro il 2026 con 10 nuovi modelli, che rappresenteranno circa il 14% delle vendite sulla base di 10,5 milioni nel 2022. Entro il 2030, il marchio prevede di produrre 1,7 milioni di veicoli elettrici all’anno. Sebbene molte case automobilistiche stiano già raggiungendo vendite a due cifre o al 100% di veicoli elettrici, Toyota continua a investire nella tecnologia ibrida e a celle a combustibile di fascia bassa, che probabilmente rallenterà ulteriormente la sua transizione.

Allo stesso tempo, i modelli a idrogeno non sono una priorità per i giapponesi, poiché le stazioni di ricarica dell’idrogeno sono rare nei paesi europei. Sebbene Toyota ammetta di essere in ritardo rispetto ai suoi concorrenti nella produzione di veicoli elettrici, il marchio non si tirerà indietro. L’azienda prevede di creare una linea di modelli elettrici per diversi segmenti.

Dopo essersi affermata come pioniera nella tecnologia ibrida con l’introduzione della Prius nel 1997, Toyota è rimasta indietro nella tecnologia dei veicoli completamente elettrici. Con il neoeletto CEO Koji Sato al timone, la casa giapponese ha accelerato la sua strategia EV.

Toyota logo

Nonostante si attenga a una strategia ibrida, inclusi PHEV e veicoli a celle a combustibile (FCEV), la casa automobilistica giapponese riconosce l’urgente necessità di modelli completamente elettrici nella sua gamma. La società ha rivelato che svilupperà la propria piattaforma EV dedicata per i veicoli elettrici di prossima generazione. La piattaforma, il cui rilascio è previsto per il 2026, è in linea con i piani tecnologici per le batterie dei veicoli elettrici annunciati di recente. Entro il 2027, Toyota punta ad avere due batterie per i veicoli elettrici di prossima generazione. Rispetto a quella utilizzata per il bZ4X, la casa nipponica afferma che le sue batterie di nuova generazione aumenteranno l’autonomia di guida del 20%.

Marca:    Argomento: 
Share to...