L’invasione cinese abbasserà i prezzi dei veicoli elettrici europei?

Avatar photo
Ecco come le case automobilistiche intendono scongiurare l’invasione cinese
Invasione cinese

Le case automobilistiche europee temono sempre più l’invasione cinese. Per contrastare tutto ciò, stanno concentrando i loro sforzi sulla ricerca di soluzioni che consentano loro di ridurre il costo dei loro veicoli elettrici. Se da un lato la ricerca di una maggiore efficienza è sempre esistita all’interno dei grandi gruppi automobilistici, dall’altro ciò che si vuole ottenere è del tutto inedito. Ma come può accadere? Renault, ad esempio, vuole tagliare del 40% i prezzi delle sue auto a emissioni zero. Lo ha detto il direttore finanziario dell’azienda, Thierry Pieton, che ha anche indicato una scadenza precisa: il 2027. In quell’anno il costruttore francese lancerà la prossima generazione delle sue auto elettriche.

Ecco come le case automobilistiche intendono scongiurare l’invasione cinese abbassando il prezzo dei veicoli elettrici

Per raggiungere i risultati prefissati, Renault ha anche avviato il processo di scorporo del dipartimento “emissioni zero” con la creazione della società Ampere, con la quale verranno reclutati investitori esterni, e ciò avverrà quotando le azioni in borsa. E i fondi da loro verranno utilizzati per sviluppare nuove batterie e piattaforme per veicoli elettrici. I progressi nella riduzione dei costi di produzione, secondo Luca de Meo, Amministratore Delegato del Gruppo, si vedranno già nella seconda metà del 2023, e ciò avverrà soprattutto grazie al calo dei prezzi delle materie prime. In Renault, sono consapevoli di correre contro il tempo, il che è essenziale nel settore automobilistico.

Sulla stessa onda sembra Carlos Tavares, che in assemblea con gli azionisti ha ribadito che la concorrenza con i produttori cinesi può essere “brutale” per il fatto che hanno ridotto i costi di circa il 25% rispetto alle aziende europee. L’amministratore delegato di Stellantis pensa che bisogna trovare modi per livellare il campo di gioco grazie agli incentivi pubblici. Ma Tavares è pronto anche a lanciare la prima auto elettrica da meno di 25.000 euro: la Citroen e-C3. Ha ribadito che il gruppo Stellantis offrirà 47 veicoli elettrici entro la fine del 2024. Ciò significa che offrirà una o più alternative in tutte le nicchie di mercato.

Anche il Gruppo Volkswagen, che si è recato in Cina per competere con i produttori locali, sta lavorando all’auto elettrica da 25.000 euro. Arriverà nel 2025, che dovrebbe essere l’anno in cui appariranno sul mercato alternative “economiche” ai veicoli elettrici dai produttori europei. Nonostante tutto ciò, la Cina rimane una minaccia, con i produttori locali sempre più rappresentati nel mercato europeo e pronti all’invasione. E se in passato i loro prodotti avevano problemi di qualità, che veniva trascurata a scapito del prezzo basso, adesso questo problema è già stato risolto. La qualità delle auto cinesi offerte in Europa e che utilizzano la tecnologia più avanzata è paragonabile a quella dei modelli occidentali, coreani e giapponesi.

auto elettrica cinese

In un momento in cui il costo dell’energia elettrica è in aumento, i produttori cinesi possono contare su una filiera più breve e affidabile. Si aggiunga a ciò il fatto che hanno costi energetici e di manodopera inferiori e si può dunque capire che oggi più che mai rappresentano una minaccia per i loro concorrenti. Riuscirà l’invasione cinese? Difficile dirlo perché è ancora troppo presto. Tuttavia, visto il numero di brand che sono già arrivati ​​o che arriveranno nei prossimi mesi, è chiaro che il mercato troverà nuovi equilibri e che alcuni brand conquisteranno anche quote importanti. Un esempio di ciò è MG, un marchio cinese che sta facendo sempre meglio in numerosi mercati.

  Argomento: 
Share to...