in

Alfa Romeo Giulia: I motori della futura berlina

Alfa Romeo Giulia

L’Alfa Romeo Giulia è il progetto più atteso dagli Alfisti di tutto il mondo, senza alcun dubbio. Oramai sono mesi che parliamo, incessantemente, della nuova berlina di casa Alfa Romeo che, tra un rumor ed un altro, ci offre, praticamente ogni giorno, nuovi spunti di analisi e riflessione. Nel corso del Salone di New York 2015, Reid Bigland, numero uno di casa Alfa Romeo negli USA, ha dichiarato, senza mezzi termini, che la nuova Giulia avrà delle “specifiche tecniche da paura” e che sarà in grado di sorprendere sia grazie al design, di cui si conosce davvero poco, sia grazie al comparto tecnico che dovrebbe essere nettamente superiore, per qualità soprattutto, rispetto alla concorrenza. Alfa Romeo Giulia

Uno degli aspetti più interessanti su cui soffermarci quando si parla della futura Alfa Romeo Giulia è legato, senza dubbio, al comparto delle motorizzazioni su cui si articolerà l’offerta della nuova berlina di segmento D della casa italiana. Come sappiamo, infatti, la nuova Alfa Romeo Giulia potrà contare sull’inedita famiglia di motori Global Medium Engine costituita da diversi propulsori basati su di uno schema comune, un  2.0 turbo quattro cilindri con iniezione diretta e tecnologia MultiAir. I motori della famiglia Global Medium Engine andranno ad occupare un range di potenza piuttosto vasto. La versione entry level partirà, probabilmente, da 180 CV mentre la top di gamma di questa architettura potrebbe arrivare a 330 CV.

Alfa Romeo Giulia C’è da dire che in listino, probabilmente non al debutto, la nuova Giulia dovrebbe presentare almeno un’unità caratterizzata da un livello di potenza superiore che rappresenterà il cuore del progetto della variante ad alte prestazioni della berlina che, per ora, è nota con i nomi di Giulia GTA, negli USA in particolare, e Giulia Quadrifoglio Verde. L’unità più accreditata per essere installata sulla versione sportiva della futura berlina di casa Alfa Romeo è un 2.9 V6 biturbo. Si tratta di un propulsore che, secondo le indiscrezioni di alcune settimane fa, sarebbe derivato da un 3.0 litri di Maserati, un dato che rappresenta garanzia di qualità sotto tutti i punti di vista. Alfa Romeo Giulia

Naturalmente, la nuova Alfa Romeo Giulia ricoprirà un ruolo importantissimo per Alfa Romeo dal punto di vista commerciale e, come tale, la gamma si adeguerà a queste esigenze con un’offerta di motori diesel molto vasta ed articolata in grado di coniugare la necessità di ottimizzare i consumi al desiderio dei futuri possessori della vettura di poter contare su di un’auto sportiva senza mezze misure. La gamma delle unità diesel della futura Alfa Romeo Giulia dovrebbe essere costituita, in larga parte, su alcune varianti del nuovo turbodiesel da 2.2 litri che potrebbe essere proposto in versione entry level con un livello di potenza massima di circa 135 CV. Questa variante dovrebbe caratterizzarsi anche per un prezzo più contenuto in grado di trasformare la Giulia da sogno a realtà per molti potenziali clienti con un budget limitato. Naturalmente sono previste anche versioni con potenza maggiore. La gamma diesel della nuova Alfa Romeo Giulia potrebbe raggiungere, con il motore turbodiesel da 2.2 litri, una potenza massima di 210 CV. Nei mesi scorsi si è parlato anche della possibile presenza in listino di un  3.0 V6 che potrebbe però essere riservato al nuovo SUV di Alfa Romeo, che condividerà con la Giulia la stessa piattaforma, e per una futura ammiraglia in arrivo nel 2017Alfa Romeo Giulia

A rendere ancora più ampio ed interessante il listino della futura Alfa Romeo Giulia ci penserà la trazione integrale che sarà proposta su diversi motori. Soprattutto negli USA, ma anche in diverse regioni europee, la trazione integrale rappresenta un vero e proprio must per poter affrontare il duro clima dell’inverno con percorsi innevati o in salita. Maggiori dettagli sulla nuova berlina di casa Alfa Romeo, che a conti fatti potrebbe anche non chiamarsi Giulia, arriveranno nei prossimi giorni. Il debutto è fissato per il 24 giugno ad Arese.

ferrari-marchionne-vettel

Ferrari verso il Gp di Cina con ottimismo

fiat-punto-addio-podio-vendite

Fiat Punto: addio a un mito, crollano le vendite