in

Jeep Cherokee: nuove indiscrezioni sulla versione restyling

Quasi certo il motore a benzina 2.0 Turbo ‘mild hybrid’ da 270 CV.

Jeep Cherokee restyling

Dopo il debutto della nuova Wrangler, cresce l’attesa per la Jeep Cherokee restyling, la cui presentazione ufficiale è prevista al Salone di Detroit, in programma il prossimo mese di gennaio del 2018. La vettura sarà totalmente rinnovata a livello estetico, sia davanti che dietro.

Jeep Cherokee restyling

Inoltre, sarà aggiornata la gamma delle motorizzazioni, con l’introduzione del propulsore a benzina 2.0 Turbo a quattro cilindri da 270 CV di potenza. Quest’ultimo sarà disponibile solo nella versione ‘mild hybrid’ denominata eTorque, in quanto è previsto l’abbinamento al piccolo motore elettrico da 48 Volt. A differenza della Wrangler, la suddetta unità sarà disponibile per la Jeep Cherokee restyling con il cambio automatico AT9 a nove rapporti e anche nella versione a due ruote motrici con la sola trazione anteriore.

Per quanto riguarda il mercato europeo, la rinnovata Jeep Cherokee condividerà quasi certamente con la berlina Alfa Romeo Giulia tutte le versioni del motore a gasolio 2.2 Turbo Diesel. Quindi, sarà disponibile nelle declinazioni da 136 CV, 150 CV, 180 CV e 210 CV di potenza.

Per il mercato statunitense, invece, è confermato il propulsore a benzina 2.4 aspirato da 184 CV di potenza, mentre l’attuale unità 3.2 V6 a benzina da 272 CV di potenza potrebbe essere sostituita dalla più prestante motorizzazione 3.6 V6 Pentastar di pari alimentazione da 285 CV di potenza che prevede anche il sistema ESS con la funzione stop/start.

Altra principale novità della Jeep Cherokee restyling sarà il trasferimento della produzione, con l’assemblaggio presso l’impianto di Belvidere. Inoltre, sarà aggiornato l’abitacolo, soprattutto con il nuovo sistema multimediale UConnect. La gamma, infine, comprenderà gli allestimenti Sport, Altitude, Latitude, Longitude, Limited e Overland, più la declinazione TrailHawk con lo stile da fuoristrada e la futura TrackHawk che rappresenterà la massima sportività.