in

Monopattino in tangenziale pericolo mortale: ecco il video da paura

Filmato che incute timore e impone una riflessione. Anche per i politici

monopattino tangenziale

Monopattino in tangenziale pericolo mortale: è il commento immediato al video che potete vedere su ClubAlfa. Il monopattinaro infrange il Codice della Strada, il buon senso, le regole della convivenza civile, le norme della civiltà.

Guida Monopattino in tangenziale pericolo mortale: multa di 41 euro

Grosso modo, siamo all’altezza dell’uscita Cinisello Balsamo, lì dove il traffico impazzisce spesso, specie nelle ore di punta.

Qualora il monopattinaro fosse stato beccato dalle Forze dell’ordine, avrebbe ricevuto una multicina di 41 euro. Ignoranza da Codice della Strada, questo il motivo per cui lo stupidotto su monopattino va in tangenziale? Chissà. Di certo, non c’è deterrenza. Non ci sono le Forze dell’ordine che lo fermano. Se lo fermano, il verbalino di 41 euro fa il sollecito. Magari lo pagano papà e mammà al piccolo cretinetto.

A rischiare grossissimo è l’automobilista, sotto il profilo delle conseguenze civili, amministrative e penali. Se sfiora il monopattinaro, e se questi cade, con lesioni certe di oltre 40 giorni, c’è il reato di lesioni stradali: ritiro della patente per 5 anni. Perché chi era al volante non è stato abbastanza attento.

Se l’automobilista causa un incidente mortale, c’è il reato di omicidio stradale. Siamo nel Codice Penale, altro che multicina. Con la reclusione. Più le conseguenze per la patente. Più uno stress nervoso profondo, da quantificare in euro. Perché occhio: chi guida ha sempre il dovere di stare attentissimo a qualsiasi insidia o pericolo, reagendo per tempo. Se non lo fa, era distratto, o andava troppo veloce.

Urge una riflessione fra i politici centrali e locali. Se questa è la mobilità dolce e pulita, è presumibile che si stia sbagliando qualcosa. O no?

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento