in

FCA: Marchionne smentisce una possibile cessione e conferma lo spin-off di Magneti Marelli

Marchionne ha ricevuto una laurea honoris causa in Meccanotronica ricevuta all’Università di Trento

In questi mesi, il gruppo FCA è finito spesso in prima pagina per via del presunto interesse, in parte confermato, di altre aziende impegnate nel settore automotive interessate all’acquisto dell’intero gruppo o di alcuni brand, Jeep in primiis. In occasione dell’assegnazione di una laurea honoris causa in Meccanotronica ricevuta all’Università di Trento, Sergio Marchionne ha avuto modo di rispondere ad alcune domande sul futuro di FCA. 

La parte principale delle sue dichiarazioni riguarda una possibile cessione di FCA, o di parte del gruppo, che è stata smentita categoricamente dall’amministratore delegato che ha confermato che, al momento, non vi sono e non vi sono stati contatti con altre aziende per la cessione di alcuni brand o di tutto il gruppo. 

Le parole di Marchionne potrebbero, quindi, rappresentare la fine dei tanti rumors che ci hanno accompagnato in questa estate, iniziata con il presunto interessamento di alcune aziende cinesi per Jeep e terminata con le indiscrezioni legate alla volontà di Hyundai di presentare un’offerta per l’acquisto di FCA. 

Per quanto riguarda le strategie future dell’azienda, Marchionne ha confermato il progetto dello spin-off di Magneti Marelli che dovrebbe entrare nel vivo a partire dal 2018, rappresentato, quindi, uno dei primi passi del nuovo piano industriale di FCA che sarà presentato proprio il prossimo anno. L’amministratore delegato del gruppo non ha rilasciato alcuna dichiarazione, invece, al possibile spin-off di Alfa Romeo e Maserati. 

Per i due brand premium di FCA sarà necessario attendere ancora diversi anni prima di un eventuale spin-off. Come già evidenziato in passato da Marchionne, infatti, i due brand non sono ancora pronti per uno scorporo da FCA e devono ancora rafforzarsi prima di poter entrare in una nuova fase di questo tipo. Ulteriori dettagli in merito al futuro del gruppo, in ogni caso, verranno rivelati, senza dubbio, nelle prossime settimane. 

Fonte

Alfa Romeo cresce a settembre nel Regno Unito, in Germania ed in Spagna, calano le vendite in Francia

Maserati Levante: stop della produzione per alcuni giorni, a Mirafiori è ancora cassa integrazione