in

Ferrari 458 Italia: prodotto un esemplare unico con motore V12?

La vettura è equipaggiata con lo stesso propulsore della hypercar LaFerrari.

Ferrari 458 Italia V12

Stando a quanto riportato da “Motor Authority“, è stato prodotto un esemplare unico della Ferrari 458 Italia con il motore V12. L’auto in questione sembrerebbe reale, dato che il legittimo proprietario ha pubblicato le foto della vettura sul proprio profilo Instagram e noto anche col nickname ‘Greg23’ utilizzato sul forum “FerrariChat” che riunisce appassionati e possessori del Cavallino Rampante.

L’aspetto principale di questa Ferrari 458 Italia è proprio il propulsore, in quanto si tratta del motore a benzina 6.3 V12 aspirato da 800 CV di potenza e 700 Nm di coppia massima della hypercar LaFerrari. Il felicissimo e fortunato possessore dichiara che l’auto ha mantenuto le caratteristiche di guida nonostante il ‘trapianto’, anche se non è stata omologata per l’uso su strada ma solo per l’utilizzo in pista.

Le origini dell’esemplare unico di Ferrari 458 Italia con il propulsore della LaFerrari sono ignote, ma potrebbe trattarsi del prototipo utilizzato per collaudare proprio l’unità termica destinata alla hypercar ibrida di Maranello. Intanto, tutti gli appassionati del Cavallino Rampante attendono una comunicazione ufficiale in merito alla vicenda da parte del costruttore modenese.

La Ferrari 458 Italia era equipaggiata con il motore a benzina 4.5 V8 aspirato da 570 CV di potenza e 540 Nm di coppia massima, con cui la vettura raggiungeva la velocità massima di 325 km/h e accelerava da 0 a 100 in 3,4 secondi. In seguito, è stata proposta anche come 458 Speciale, con la potenza incrementata a 605 CV e l’accelerazione nello spunto 0-100 ridotta a tre secondi netti.

Trattandosi già di prestazioni interessanti, è quasi inimmaginabile il beneficio in termini di velocità massima e accelerazione da 0 a 100 km/h per la Ferrari 458 Italia con il propulsore V12.

Abarth 124 Spider

Abarth 124 Spider: giro veloce al Virginia International Raceway

Alfa Romeo MiTo

Alfa Romeo MiTo: cosa è cambiato in quasi dieci anni