in

FCA Heritage: ai “Classic Days” con la Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM

L’evento si terrà nei pressi di Dusseldorf, dal 4 al 6 agosto.

Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM

Questo fine settimana, dal 4 al 6 agosto, FCA Heritage parteciperà all’evento tedesco “Classic Days” dedicato alle auto d’epoca, in programma presso il castello medievale di Schloss Dyck, vicino a Dusseldorf. Il gruppo automobilistico FCA sarà tra i protagonisti con la Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM del 1993, ‘accompagnata’ da modelli della produzione attuale come Giulia Quadrifoglio e Stelvio.

La Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM rappresenta una pietra miliare nella storia della Casa del Bisicione, soprattutto in ambito agonistico. Infatti, è la vettura più vincente di sempre nella storia del campionato tedesco DTM, dedicato alle auto da turismo.

Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM

Il debutto della Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM risale al 1993, con la vittoria alla prima doppia gara sul circuito belga di Zolder. Alla fine della stagione, la vettura conquistò sia il titolo costruttori che il titolo piloti con l’italiano Nicola Larini, affiancato dal connazionale pilota Alessandro Nannini.

Oltre alle due vetture del team Alfa Corse, la Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM fu impiegata anche dal team satellite Schubel, con il pilota tedesco Christian Danner e Giorgio Francia.

La concorrenza, invece, era rappresentata soprattutto dalla Mercedes-Benz 190E 2.5-16 Evo II del team ufficiale AMG-Mercedes, senza dimenticare le altre tedesche BMW M3 Sport Evolution, Opel Omega 3000 24V Evo e Calibra V6 4×4, quest’ultima impiegata dal team Joest con al volante il pilota Keke Rosberg già campione mondiale di Formula 1.

La vittoriosa Alfa Romeo 155 V6 Ti DTM che sarà utilizzata nel weekend all’evento “Classic Days” fa parte della collezione di FCA Heritage, anche perché è esposta al Museo Storico Alfa Romeo di Arese, noto anche come “La Macchina del Tempo”.

Maserati Evento Benefico

Maserati: la ‘elettrificazione’ partirà nel 2019

ferrari SUV marchionne

Ferrari: Marchionne conferma il progetto di un SUV per il futuro di Maranello