in

Le auto flop di Alfa Romeo, Fiat e Lancia secondo Auto Bild

La testata tedesca ha elencato le 50 auto flop degli ultimi anni, tra cui figurano alcune italiane.

Alfa Romeo Alfa 166

L’autorevole rivista tedesca “Auto Bild” ha pubblicato, nell’edizione online, le cinquanta auto d’insuccesso a livello mondiale, tra cui non mancano alcuni modelli dei brand italiani Fiat, Lancia e Alfa Romeo.

Nella lista della testata giornalista teutonica compare la Lancia Thesis, accusata di essere “molto particolare”, soprattutto dal punto di vista stilistico. La Fiat Multipla, invece, è giudicata “oggettivamente brutta”, nonostante le doti di ampia visibilità e praticità, quest’ultima legata all’intelligente soluzione dell’abitacolo configurato a sei posti su due file secondo la filosofia ‘3+3’.

Per quanto riguarda Alfa Romeo, “Auto Bild” ha annoverato due auto che rappresentano il flop sul mercato per la Casa del Biscione. Una è la Alfa Romeo Alfa 166, schiacciata dalla forte concorrenza delle tedesche Audi A6, BMW Serie 5 e Mercedes-Benz Classe E, molto gettonate ai quei tempi tra le auto di segmento E ed anche perché le SUV all’epoca rappresentavano ancora un settore di nicchia che non sottraevano clienti a berline e station wagon di dimensioni medio-grandi.

Alfa Romeo Arna

L’altra, tuttavia, è ben più famosa ed è da sempre oggetto di critiche, vale a dire la Alfa Romeo Arna. La descrizione della testata tedesca è assolutamente negativa, dato che la sinergia tra Alfa Romeo e Nissan è stata definita “fallimentare”, nonostante l’idea di coniugare la filosofia automobilistica giapponese con quella italiana non fosse male. “Auto Bild” considera la Alfa Romeo Arna come un’auto “noiosa e inaffidabile”, tra l’altro caratterizzata da un “nome ibrido orrendo”. Non a caso, sottolinea la rivista, è stata venduta dal 1983 al 1986 in sole 27.974 unità.

Considerando anche i brand statunitensi di FCA, nella top 50 delle auto d’insuccesso sono menzionate anche le Chrysler PT Cruiser e Crossfire, nonché la quasi sconsciuta Plymouth Prowler, tutte nate all’epoca del sodalizio DaimlerChrysler con Mercedes-Benz.

Non mancano auto tedesche in questa particolare classifica, tra cui Audi A2, BMW Z3 Coupé, Ford Scorpio, NSU Ro 80, Mercedes-Benz Vaneo, Opel Corsa Berlina, le sportive Opel Speedster e GT, Porsche 914, Smart roadster, Volkswagen Lupo e Scirocco, ma anche auto sportive di nicchia come Artega GT e Gumpert Apollo.

Alfa Romeo Giulia, i dati di vendita del primo semestre negli USA a confronto con le rivali

2017 Chrysler Pacifica

Chrysler: appassionati del brand preoccupati per il futuro