in

Alfa Romeo e Maserati trascinano la produzione di auto in Italia, +12,9% nel primo semestre

Da Cassino e Mirafiori parte il rilancio dell’industria italiana delle quattro ruote

Il primo semestre del 2017 si chiude con una crescita della produzione di auto in Italia del +12,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A trascinare i volumi di produzione degli stabilimenti italiani di FCA sono, in particolare, i marchi Alfa Romeo e Maserati che, come visto nei giorni scorsi, grazie alla berlina Giulia ed ai SUV Stelvio e Levante stanno dando un contributo davvero significativo alla crescita della produzione italiana. 

Il piano di rilancio di Alfa Romeo e le strategie di espansione di Maserati stanno, a poco a poco, trasformando l’industria dell’automobile in Italia che è sempre più indirizzata verso il mercato premium e le auto di lusso. Come sottolineato dal report di Fim Cisl, infatti, nel 2012 solo il 20% delle unità prodotte appartenevano alla fascia medio-alta del mercato mentre nel 2017 tale percentuale ha superato il 60% ed è destinata ad incrementare con le nuove strategie di FCA.

Per i prossimi mesi, infatti, FCA dovrà chiarire diversi aspetti per il futuro degli stabilimenti italiani che attendono l’avvio della produzione di nuovi modelli. Già nel 2018 è atteso, ad esempio, il debutto del nuovo Alfa Romeo E-SUV che avrà il compito di colmare le capacità produttive dello stabilimento di Mirafiori dove viene prodotto il Maserati Levante. 

Maserati Levante

Nel frattempo, a Pomigliano d’Arco si attende l’uscita di scena della Fiat Panda, che come annunciato da Marchionne sarà spostata in Polonia tra il 2019 ed il 2020, e l’avvio della produzione di nuovi modelli premium (la nuova Giulietta, un inedito crossover di segmento C a marchio Alfa Romeo, un secondo SUV a marchio Maserati, le ipotesi non mancano di certo).

Ancora da valutare il futuro di Melfi, dove l’uscita di scena della Fiat Punto lascerà un vuoto che, per ora, non sarà colmato da alcun progetto, e di Modena, dove il prolungamento della produzione della GranTurismo e della GranCabrio durerà al massimo sino al 2018. I prossimi mesi saranno davvero molto interessanti. FCA dovrà, per forza, svelare le carte in tavola rivelando le prime informazioni sui futuri progetti in arrivo sul mercato. Continuate a seguirci per saperne di più.

Lancia Delta Integrale è l’auto del passato che gli italiani vorrebbero in strada

Fiat amplia le offerte BE-FREE su Amazon, arrivano la 500X e la 500 a GPL