in

Alfa Romeo: cresce la produzione a Cassino, in arrivo 500 nuove assunzioni

L’avvio della produzione a pieno regime di Alfa Romeo Giulia e Alfa Romeo Stelvio nello stabilimento di Cassino comporta un notevole incremento delle unità assemblate ogni giorno nel sito laziale.

I primi riscontri ottenuti dalla Giulia e dallo Stelvio hanno convinto FCA a confermare quanto affermato nei mesi scorsi ed a procedere con l’assunzione di ben 500 nuovi lavoratori che, nel corso dei prossimi mesi, entreranno in attività lungo le linee di produzione dei nuovi modelli di casa Alfa Romeo. La notizia è stata parzialmente confermata alcune ore fa dal segretario nazionale della Fismic Roberto Di Maulo.

Ricordiamo che appena poche ore fa vi abbiamo riportato come proprio a Cassino entrerà in produzione, nel corso del 2018, un terzo modello che andrà ad affiancarsi alla Giulia ed allo Stelvio oltre che alla sempre ottima Giulietta che dovrebbe restare in produzione, con questa generazione, almeno per i prossimi due anni.

L’obiettivo di Alfa Romeo è incrementare progressivamente la produzione nel sito di Cassino, che di fatto rappresenta il cuore del progetto di crescita del brand, aumentando sempre di più i volumi di vendita della Giulia e, soprattutto, del nuovo SUV Stelvio che nelle prime settimane di commercializzazione ha già dimostrato di avere tutte le carte in regola per diventare il trascinatore dell’intero brand.

Entro il 2018 a Cassino dovrebbero essere assunti almeno 1800 nuovi dipendenti che andranno, progressivamente, ad incrementare la forza lavoro dell’impianto di pari passo alla crescita della produzione dei modelli già sul mercato, come Giulia e Stelvio, e del terzo modello che, come detto in precedenza, dovrebbe essere svelato nel corso dei prossimi mesi per poi arrivare sul mercato nel corso del 2018.

Per ora non possiamo ancora confermare in alcun modo quale sarà il terzo modello che andrà ad arricchire le linee di produzione di Cassino. Nelle scorse settimane abbiamo registrato l’arrivo di rumors legati alla nuova ammiraglia di segmento E o al SUV, sempre di segmento E, che però dovrebbero essere destinati allo stabilimento di Mirafiori dove oggi viene prodotto il SUV Maserati Levante.

Si parla anche del crossover di segmento C che dovrebbe prendere il posto dell’attuale Alfa Romeo Giulietta che, come detto, dovrebbe restare sul mercato con questa generazione proprio sino al 2018. Ricordiamo che FCA ha già annunciato che non sarà realizzata la tanto attesa, dagli Alfisti di tutto il mondo, Giulia Sportwagon, la versione wagon della Giulia che negli anni scorsi aveva fatto parlare con insistenza di sé ma che è stata accantonata dal gruppo italo-americano intenzionato ad investire, sempre di più, nel settore SUV e crossover per il segmento premium del mercato.

Continuate a seguirci anche nel corso dei prossimi giorni e delle prossime settimane per tutti gli aggiornamenti legati ai nuovi modelli in arrivo per la gamma di Alfa Romeo.

Alfa Romeo Stelvio: porte aperte sabato 8 e domenica 9 aprile

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio VS Bmw i8: il video della sfida