in

Ferrari: ecco perchè non vedremo mai vetture di Maranello con colori sgargianti

Un importante dirigente di Ferrari spiega il motivo per cui la casa di Maranello si rifiuta di vendere auto con colori sgargianti

Ferrari
Ferrari 488

Interessante intervista rilasciata dal CEO di Ferrari nella regione dell’Australasia, Herbert Appleroth, il quale nel corso di un’intervista rilasciata al sito News.com.au ha spiegato  il motivo per cui non vedremo mai una Ferrari di colore rosa o con altri coloro sgargianti. Sebbene la casa di Maranello lasci ai propri clienti una grandissima possibilità di personalizzazione delle vetture acquistate, visto che lo stesso Enzo Ferrari diceva che ogni auto doveva essere diversa dalle altre, sui colori i dirigenti del cavallino rampante non vogliono transigere. Il rosa o altri colori di questo tipo non saranno mai previsti tra le opzioni possibili per le proprie vetture.

Il dirigente ha detto: “Una Ferrari rosa non è adatta alla nostra filosofia ad essere onesti”. “E ‘una regola del marchio. No Rosa. Nessuna Ferrari Pokémon!” “Ci sono altri colori che non sono nel nostro DNA pur essendo meravigliosi questi sono forse più adatto ad altre marche, ” dice, diplomaticamente il dirigente del cavallino rampante. “Il colore più popolare è ancora il rosso ma stiamo cercando di dare il maggior numero di scelte possibili a tutti”. Mentre il rosso costituisce circa un terzo delle vendite di Ferrari in tutto il mondo, gli altri colori più diffusi quando si parla di auto di Maranello sono l’argento e  il nero. Anche il bianco, secondo Appleroth, sta crescendo di popolarità.

“Noi a livello globale non vogliamo due auto uguali.” “Abbiamo investito nelle nostre concessionarie così ogni cliente ha una grande possibilità di personalizzazione.” Naturalmente, se si stanno spendendo tra i 400.000 mila e i 2,5 milioni di dollari per una Ferrari si può benissimo scegliere di andare altrove per avere la vettura dipinta di rosa una volta che sei uscito dalla concessionaria. Ma sicuramente non ci sarà un intervento diretto da parte della casa automobilistica. “Ogni Ferrari è personalizzata o personalizzabile o su misura”, dice il signor Appleroth.

“Ci sono molti diversi livelli di personalizzazione da quelli che si possono ottenere stando seduti in concessionaria a quelli che invece richiedono al cliente una sua presenza diretta a Maranello in fabbrica. “E c’è anche il programma specifico in cui si comincia con il telaio e tutto è completato intorno alle richieste specifiche del cliente. Si tratta di casi molto rari, uno di questi fu Eric Clapton “. Il CEO Appleroth dice che il marchio automobilistico produce un libro  che mostra tutti i disegni provenienti da ogni parte del mondo in modo da poter vedere alcune delle tendenze  e quello che alcune culture stanno facendo quando si tratta di design in questo determinato momento storico. 

Ferrari F430 Coupè 2007
Ferrari F430 Coupè 2007

Il dirigente continua dicendo che l’industria automobilistica è in piena espansione, ed in particolare il mercato delle ‘super’ auto, non è mai stato così bene come lo è adesso. “Nel nostro settore, abbiamo visto una crescita del 48 per cento nell’ultimo anno finanziario. Ci sono un certo numero di fattori  dietro questo incremento tra cui una stabilità del mercato che rende fiduciose le persone più ricche. “Ci sono persone che hanno lavorato duramente nella propria vita e vogliono viziarsi un po’ o che semplicemente vedono in una vettura come questa un investimento.”

Maserati

Maserati, un nuovo concessionario a Singapore

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: John Elkann conferma che Sergio Marchionne andrà via nel 2019, i possibili sostituti