in

Ferrari ha acquistato 145 mila azioni di Liberty Media in Formula Uno

Sergio Marchionne Ferrari
Sergio Marchionne Ferrari

Ferrari ha completato l’acquisizione di 145.000 azioni di Liberty Media diventando così la prima scuderia di Formula Uno a possedere una parte della sua categoria. Quando Liberty Media ha annunciato l’acquisizione della Formula 1, i suoi amministratori hanno espresso il desiderio che le squadre presenti potessero  acquistare le sue azioni. Questo sarebbe stato visto come uno sforzo per rafforzare il loro impegno per la categoria.

Ferrari: 145 mila azioni di Liberty Media acquistate

La società americana ha ordinato 19 milioni di azioni per le scuderie. Queste hanno sei mesi di tempo per acquistare la propria parte. Ora è emerso che la Ferrari ha  anticipato tutti acquistando la cifra simbolica di 145.000 azioni. “Il 23 gennaio 2017, Liberty Media ha completato l’acquisizione delle azioni di Delta Topco,” si legge nella relazione annuale, disponibile qui. “Come risultato del cambiamento di controllo, la Ferrari ha esercitato l’opzione e in febbraio  ha ricevuto circa 11,4 milioni di dollari e 145.000 azioni di Liberty Media”.

Maranello ha ricevuto le azioni in data 22 febbraio 2017. Fino ad oggi, è l’unica squadra che ha accettato la proposta di Liberty Media. Le altre scuderie impegnate in Formula Uno prima di compiere questo passo devono ancora analizzare con attenzione le implicazioni che derivano da questa possibilità. Secondo gli esperti del settore con questa mossa il Presidente di Ferrari, Sergio Marchionne, prova ad acquistare nuovo peso politico all’interno del circo dorato della Formula Uno.

Ferrari SF70H
Ferrari: Sergio Marchionne punta ad acquisire peso politico in vista della prossima stagione

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Ferrari, Abarth, Jeep: le migliori notizie della settimana (27/2-5/3)

Vedremo se tale azione che è avvenuta prima di quanto si potesse immaginare sortirà qualche effetto e soprattutto se vi sarà la reazione da parte delle altre scuderie e se qualcuna di questa deciderà di anticipare i tempi e seguire l’esempio della casa automobilistica del cavallino rampante.

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: nei piani futuri più Jeep e Alfa Romeo nella gamma

Fiat Chrysler, si avvicina fusione con General Motors dopo la cessione di Opel?