in

Sergio Marchionne: ultimi 24 mesi in Fiat Chrysler?

Sergio Marchionne
Sergio Marchionne

Per Sergio Marchionne sono arrivati gli ultimi 24 mesi in Fiat Chrysler Automobiles. L’amministratore delegato del gruppo  italo americano nella primavera del 2019 lascerà la guida del gruppo al suo successore che sarà scelto tra i dirigenti già presenti all’interno della società, così come chiarito dall’attuale numero uno di FCA. Qualcuno ritiene che alla fine Sergio Marchionne potrebbe anche restare un po’ più di quanto previsto per portare a termine la sua missione, ma al momento si tratta di semplici voci. Queste nascerebbero dal fatto che non basterebbero 24 mesi per trovare il nuovo alleato con cui fare la fusione e risolvere le grane arrivate dagli Stati Uniti per le presunte irregolarità alle emissioni.

Come annunciato ai soci in una lettera inviata nelle scorse ore, il rischio per Fiat Chrysler è quello di dover pagare una multa da 4,3 miliardi di dollari se realmente le accuse lanciate dall’EPA saranno confermate. Questa sarebbe una bella grana per il gruppo italo americano e la cosa potrebbe ‘costringere’ Sergio Marchionne a rimanere ancora alla guida di FCA. A questo dobbiamo anche unire il fatto che il rilancio di Alfa Romeo e Maserati, considerato dal numero uno di FCA come l’obiettivo primario, è ancora un traguardo lontano da essere raggiunto.

Ci vorranno ancora molti anni prima che Alfa Romeo e Maserati possano realmente arrivare ai traguardi prefissati negli scorsi anni da Sergio Marchionne. Per Alfa Romeo il traguardo delle 400 mila immatricolazioni annue potrebbe essere raggiunto nel 2020, quando finalmente la gamma del Biscione sarà completa. Maserati invece se le vendite del suv Levante continueranno come adesso,  potrebbe raggiungere il traguardo delle 70 mila immatricolazioni forse già nel 2018. 

John Elkann Fca
John Elkann Presidente di FCA e Sergio Marchionne Amministratore delegato

Leggi anche: Fiat Chrysler: ecco quanto ha guadagnato Sergio Marchionne nel 2016

Presto sapremo se le voci che vogliono Sergio Marchionne alla guida di Fiat Chrysler anche dopo il 2018 siano veritiere o meno. Certamente sono tante le sfide che in Fiat Chrysler devono essere ancora vinte per poter ottenere un ruolo di prestigio all’interno del settore automotive.

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo ha una nuova casa a Kansas City

Fiat 500

Fiat festeggia i 60 anni di 500 con un’edizione speciale in 560 unità