in

Fiat Panda è l’auto più venduta in Italia a febbraio 2017

I dati ufficiali relativi al mese di febbraio del mercato auto italiano evidenziano ancora una volta il successo della Fiat Panda che si conferma leader indiscussa con un totale di 15.997 unità immatricolate il mese scorso. In termini percentuali, la Panda registra a febbraio una crescita del +8% rispetto ai dati relativi al febbraio del 2016 che, già di per sé, aveva fatto registrare risultati in netta crescita rispetto all’anno precedente.

Il dato parziale sul 2017 è ancora migliore. La Fiat Panda raggiunge nei primi due mesi del 2017 un totale di 30909 unità vendute in Italia registrando una crescita percentuale del +9% rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. Ricordiamo che Fiat ha target piuttosto ambiziosi per la Panda per questo 2017. La city car italiana dovrà superare quota 200 mila unità vendute in Europa quest’anno dopo un 2016 già molto positivo che si era chiuso con 191 mila unità vendute.

Il successo della Fiat Panda si accompagna alla crescita di diverse auto italiane. Alle spalle della segmento A prodotta a Pomigliano d’Arco, infatti, troviamo la Lancia Ypsilon che chiude il mese di febbraio con 7193 unità vendute. Rispetto ai primi due mesi del 2016, la Ypsilon fa registrare una crescita percentuale del +5.2% che fa ben sperare in vista di un nuovo anno da record per la piccola city car. Tra le auto più vendute in Italia a febbraio troviamo, al terzo posto, la Fiat 500L con un totale di 5749 unità vendute. La 500L precede la Renault Clio, con 4755 unità vendute, e la 500, con 4740 unità vendute. Segnaliamo, inoltre, la leadership a febbraio nel segmento C della Fiat 500X con un totale di 4.472 unità vendute.

Leggi anche:  Alfa Romeo: in Italia a febbraio 2017 vendite su, +22,9%

Continuate a seguirci anche nel corso dei prossimi giorni per tutti gli aggiornamenti sulle vendite di Alfa Romeo e dei marchi FCA in Europa a febbraio.

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: in Italia a febbraio 2017 crescita del 6,93%

Alfa Romeo Giulia: vendite inferiori alle rivali tedesche in Italia ma il sorpasso è vicino