in

Fiat Chrysler: ecco quanto ha guadagnato Sergio Marchionne nel 2016

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Sergio Marchionne numero uno di Fiat Chrysler Automobiles nel 2016 ha sfondato il muro dei 10 milioni di euro di stipendio. Lo ha confermato lo stesso gruppo italo americano nell’Annual Report 2016 depositato presso la SEC, l’autorità di controllo del mercato negli USA. Nel dettaglio l’amministratore delegato del gruppo italo americano ha avuto come stipendio di base 3,6 milioni di euro, 6,3 milioni di euro di bonus aggiuntivi e infine il resto deriva da altri compensi. Si tratta di un dato leggermente superiore al 2015 quando Marchionne ottenne 9,9 milioni di euro. 

Fiat Chrysler: gli stipendi di Sergio Marchionne e John Elkann

Anche il Presidente di FCA, John Elkann, ha ottenuto un buon stipendio pari a 2,44 milioni di euro. Questi stipendi arrivano in un anno che complessivamente parlando è stato molto positivo per Fiat Chrysler che ha visto salire gli ultimi e calare l’indebitamento grazie alle ottime performance di vendita ottenuto dai suoi brand principali. Diminuisce invece il numero dei dipendenti rispetto al 2015. Questi passano da 238 mila a  234.500. FCA ha pure inviato una lettera ai soci dove viene detto che l’obiettivo fissato per la fine del 2018 è a portata di mano. Molto dipenderà dal processo di consolidamento del settore, mentre la Brexit non preoccupa FCA.

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: ecco quanto ha guadagnato nel 2016 l’amministratore delegato Sergio Marchionne

Leggi anche: Fiat Chrysler conferma le indagini negli USA e avvisa gli azionati di possibili multe

Per quanto riguarda le accuse con l’EPA, nella stessa lettera ai soci Fiat Chrysler professa la propria innocenza ma dice ai suoi azionisti che la possibilità che arrivino multe pesanti sono concrete e queste potrebbero minare i conti del gruppo italo americano. Questo anche perché Fiat Chrysler “non è in grado di prevedere” il potenziale impatto di queste multe sul suo business e sulla reputazione delle proprie automobili.

 

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler conferma le indagini negli USA e avvisa gli azionisti di possibili multe

Alfa Romeo Giulietta 2019: grande attesa per la futura generazione