in ,

Fiat Chrysler: Fabrizio Curci spiega cosa FCA si attende da Alfa Romeo Stelvio

Alfa Romeo Stelvio Fiat Chrysler
Alfa Romeo Stelvio Fiat Chrysler

Alfa Romeo Stelvio in questo momento è la novità che tiene banco in casa Fiat Chrysler Automobiles. Nel giorno del suo primo porte aperte nelle concessionarie italiane, Fabrizio Curci responsabile dell’Area Emea per il gruppo italo americano guidato dal numero uno Sergio Marchionne, racconta cosa il suo gruppo si aspetta dal nuovo suv del Biscione, primo nel suo genere in 107 anni di storia. Il dirigente di FCA conferma che le attese nei confronti dello Stelvio sono altissime, trattandosi di un veicolo che fa esordire Alfa Romeo in un segmento di mercato dove prima non aveva mai messo piede.

L’obiettivo di Fiat Chrysler con questo nuovo veicolo è quello di permettere ad Alfa Romeo di conquistare nuove fette di mercato lottando ad armi pari con le rivali tedesche di Audi, Bmw e Mercedes che anche in questo caso vengono considerate dal gruppo di Sergio Marchionne il punto di riferimento per il marchio del Biscione. Curci da questo suv targato Alfa Romeo si aspetta risultati importanti, in quanto esso incarna tutto il DNA del Biscione e dunque presenta le carte in regola per fare bene nel segmento ‘D’ del mercato dei Suv. Con lo Stelvio, Fiat Chrysler intende convincere nuovi clienti a puntare sui Suv anche tra coloro che fino a questo momento mai hanno preso in considerazione la possibilità di acquistare un simile modello.

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: se ne venderanno 10 mila nel 2017 secondo Dataforce

Per quanto riguarda i modelli di Alfa Romeo Stelvio che saranno maggiormente richiesti, anche il responsabile di Fiat Chrysler pensa che si tratterà della versione diesel ma non esclude comunque un buon exploit della versione benzina. Questo in quanto il nuovo motore e la leggerezza di Stelvio consentono anche a quel modello di poter vantare consumi abbastanza contenuti per il tipo di modello in questione.

Infine Curci conclude dicendo che si spera anche con lo Stelvio di fare bene nel settore delle flotte aziendali al pari di quanto sta avvenendo con la berlina Alfa Romeo Giulia. Inoltre per quanto concerne assistenza e servizi vari, il dirigente di Fiat Chrysler ribadisce che i clienti di Stelvio avranno gli stessi servizi offerti per quelli di Giulia.

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: 20 mila crash test effettuati dal 1961 a oggi nel centro di Orbassano

Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Ferrari, Jeep, FCA: le migliori notizie della settimana (20-26 febbraio)