in

Alfa Romeo: ammiraglia e nuova Giulietta i prossimi modelli in arrivo lo ha detto Fedeli

Alfa Romeo Alfetta
Alfa Romeo Alfetta

L’ingegnere Roberto Fedeli in occasione della presentazione ufficiale di Alfa Romeo Stelvio, ha fatto alcune importanti rivelazioni sul futuro della casa automobilistica del Biscione. Nel corso di un’intervista rilasciata ad Automoto.it, Chief Technical Officer della casa milanese ha rivelato quali saranno i prossimi modelli che usciranno dagli stabilimenti italiani di Fiat Chrysler Automobiles e andranno ad arricchire la gamma del brand milanese. La prossima vettura ad arrivare dovrebbe essere una berlina di classe E, successivamente sarà il turno di una compatta di classe C. Per fedeli insomma prima di pensare a fantomatiche versioni coupè o Station Wagon di Giulia occorre completare la gamma.

Insomma la strategia del brand italiano sembra ben delineata secondo quanto afferma il dirigente di Alfa Romeo e Maserati. Quello che il Biscione intende fare è quello di garantire ai propri clienti la possibilità di avere una gamma completa a disposizione. Con una erede dell’Alfa 166 e la nuova generazione di Giulietta, Alfa Romeo sarà in grado di competere ad armi pari con le rivali tedesche di Audi, Bmw e Mercedes. Insomma Fedeli fa capire molto chiaramente che nelle intenzioni del gruppo FCA per il proprio brand vi sia quello di riempire tutti i segmenti di mercati e solo a quel punto poi pensare ad eventuali varianti di carrozzeria che comunque il dirigente al momento non si sente di escludere per il futuro.

Nuova Alfa Romeo Giulietta
Nuova Alfa Romeo Giulietta: un render prova ad immaginare come sarà la nuova generazione di questo celebre veicolo del Biscione.

Leggi anche: Ferrari: sulla nuova monoposto il logo di Alfa Romeo sarà sostituito dal Quadrifoglio?

Il riferimento ovviamente va in particolare ad una possibile versione di Alfa Romeo Giulia Sportwagon. Un modello che prima si era detto che non si sarebbe fatto, poi successivamente si era aperta la possibilità, ma poi davanti alle perplessità di Sergio Marchionne si è deciso di abbandonare. Per quanto riguarda la futura generazione di Giulietta, Fedeli ha dato indicazioni chiare facendo capire che l’idea di una versione a trazione posteriore su una versione accorciata della piattaforma Giorgio è certamente una strada affascinante. Inoltre questo non esclude l’arrivo anche di una versione a trazione anteriore. Queste parole dunque fanno pensare che così come si era ipotizzato in passato saranno due le versioni di Giulietta ad arrivare sul mercato.

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia e Stelvio: fari full led e Apple CarPlay in arrivo

Alfa Romeo Stelvio

Alfa Romeo Stelvio: se ne venderanno 10 mila nel 2017 secondo Dataforce