in ,

Alfa Romeo e Fiat: protestano i concessionari in California

Alfa Romeo Usa
Alfa Romeo Usa

Più di 20  concessionari Fiat e Alfa Romeo in California stanno protestando contro il gruppo italo americano Fiat Chrysler  Automobiles. Questo è avvenuto perché la casa automobilistica guidata dal numero uno Sergio Marchionne ha riscritto sostanzialmente i loro accordi di franchising nel mese di dicembre.

Tra coloro che protestano vi sono anche le concessionarie di proprietà del presidente del Consiglio Nazionale Dealer Fiat Chrysler Automobiles. Entrando nel dettaglio vediamo come i commercianti hanno contestato in particolare alcune modifiche. I punti che vengono contestati riguardano principalmente alcuni obblighi e oneri che finiscono per rendere più pesante la situazione dei concessionari.

“A questo punto, il nuovo accordo sta per mettere ulteriori oneri e rischi aggiuntivi per il concessionario,” ha dichiarato Gavin Hughes, un avvocato di Sacramento, in California. L’avvocato rappresenta quasi la metà delle concessionarie che stanno protestando nello stato americano contro Fiat e Alfa Romeo. “E ‘irragionevole che il produttore sia in grado di cambiare unilateralmente i termini di un contratto”.

Un portavoce di Fiat Chrysler Automobiles ha rifiutato di commentare le proteste. La California è il più grande mercato per il marchio Fiat, e la chiave di volta dei piani di FCA per resuscitare il marchio Alfa Romeo negli Stati Uniti. Gli accordi di franchising  sono stati depositati presso le autorità di regolamentazione dello Stato della California, come parte delle proteste dei concessionari.

Alcune delle modifiche apportate ai documenti sembrano quasi personali. Ad esempio, in molti casi, il nuovo accordo obbliga i concessionari a promuovere “energicamente, attivamente, in modo aggressivo ed efficace”  l’esposizione, la vendita e la locazione dei veicoli in questione.

Le più ampie modifiche proposte  nei contratti di franchising Fiat e Alfa Romeo riguardano l’esigenza che i concessionari seguano le regole e le procedure previste nei “manuali” di FCA.

I manuali, curati esclusivamente da FCA, finirebbero dunque per regolare i requisiti per le strutture, i requisiti netti di capitale da lavoro, la formazione e altre operazioni che di solito spettano ai rivenditori tradizionali, e tutte cose modificate con pochissimo preavviso, così come denuncia Hughes. 

Alfa Romeo
Alfa Romeo e Fiat: i concessionari della California si ribellano alle modifiche sul contratto di Franchising

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Ferrari, Jeep, FCA: le migliori notizie della settimana (6-12 febbraio)

“Questo cambiamento del contratto sta spostando il grosso degli oneri da Fiat Chrysler ai concessionari.” “La maggior parte delle preoccupazioni dei commercianti è che in questa maniera  FCA inizi a fare modifiche al contratto ogni volta che vuole.”

Al momento non è chiaro se questa protesta riguardi solo la California o vi siano anche ulteriori casi al di fuori di quello stato. Ricordiamo che Fiat ha più di 200 rivenditori negli Stati Uniti, e Alfa Romeo ha più di 100 affiliati.  “Con questa protesta, i concessionari stanno proteggendo i loro diritti”, ha detto Hughes.

Alfa Romeo: nuove conferme da Sergio Marchionne ieri a Balocco

Maserati Levante: ordini alle stelle, i target di vendita potrebbero raddoppiare in Austrialia