in

Fiat Chrysler respinge le accuse provenienti dalla Francia

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Vi avevamo informato nei giorni scorsi della notizia che anche le autorità francesi starebbero indagando su Fiat Chrysler Automobiles per lo scandalo emissioni denunciato negli Stati Uniti dall’EPA, l’agenzia americana per la protezione dell’ambiente. Ieri è arrivata anche la conferma che l’Autorità antifrode ha trasmesso le conclusioni delle sue indagini sulle emissioni inquinanti di auto diesel di FCA al Tribunale di Parigi. Oggi però arriva la risposta da parte dei responsabili del gruppo guidato da Sergio Marchionne. Questi in un comunicato hanno ribadito che i veicoli diesel del gruppo sono pienamente conformi ai requisiti sulle emissioni applicabili.

Un portavoce di Fiat Chrysler respinge le accuse provenienti dalla Francia

Il portavoce di Fiat Chrysler Automobiles ha aggiunto che il gruppo non era ancora stato informato dei fatti dietro le accuse francesi, ma non vedeva l’ora di avere l’opportunità di rispondere. Nel comunicato il portavoce ha pure aggiunto che la società aveva già fornito alcune informazioni alle autorità francesi che hanno mostrato che i risultati di alcuni dei loro test non corrispondevano con quelli fatti dal ministero italiano dei Trasporti e dalla stessa casa automobilistica. Un problema già evidenziato anche dal Ministro dei Trasporti Tedesco.

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Ferrari, Jeep, FCA: Le migliori news della settimana (30/1 5/2)

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: il gruppo italo americano respinge le accuse che arrivano dalla Francia sulle presunte irregolarità di alcuni veicoli

Leggi anche: Fiat Chrysler: gli spot su Alfa Romeo Giulia durante il Super Bowl sono piaciuti in USA

Il gruppo italo americano di Sergio Marchionne pronto a collaborare con le autorità francesi

Il portavoce di Fiat Chrysler Automobiles ha detto anche che la società aveva riserve sulle prove effettuate su un campione relativo ad un singolo veicolo e secondo metodologie di prova che secondo il gruppo non erano previste dalla normativa vigente. E’ stato anche ribadito che la casa automobilistica italo americana avrebbe collaborato con l’inchiesta essendo fiduciosa che la questione sarebbe stata chiarita a tempo debito. Vi aggiorneremo naturalmente non appena dovessero arrivare novità importanti sulla questione.

F1: Mercedes favorita anche nel 2016 per Briatore

Ferrari: Flavio Briatore dubita che il cavallino rampante possa riprendersi già nel 2017

FCA

FCA: parte male in Borsa dopo le accuse della Francia