in

Fiat Chrysler: nel 2016 il grosso delle vendite negli Stati Uniti

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Stati Uniti sempre più importanti per Fiat Chrysler Automobiles. Il gruppo guidato dall’amministratore delegato Sergio Marchionne, ieri ha informato gli analisti di aver venduto nel 2016 4,7 milioni di vetture. Tra queste ben 2,6 milioni sono state consegnate proprio negli Stati Uniti. Questo dato dimostra che il grande paese Nord americano è sempre più importante nelle strategie di crescita del gruppo italo americano presieduto dal rampollo di casa Agnelli, John Elkann. Le cose nei prossimi anni non possono che evidenziare sempre di più questo dato. Infatti nel futuro prossimo del gruppo è previsto un investimento da un miliardo di euro negli Usa per la produzione di 3 nuove Jeep e un Pick Up Ram. 

Questo investimento oltre a creare più di 2 mila posti di lavoro dovrebbe contribuire a far crescere ulteriormente il numero delle vendite di Fiat Chrysler Automobiles negli Stati Uniti. Inoltre ieri è stato messo in evidenza come a sorpresa il gruppo di Sergio Marchionne ha deciso di non accantonare somme di denaro per far fronte all’eventuale multa da parte dell’EPA. Probabilmente questa scelta è stata determinata dal fatto che alla dirigenza di FCA il cambio di amministrazione negli Stati Uniti con l’arrivo del neo Presidente Donald Trump fa ben sperare per il futuro.

Leggi anche: Jeep cresce del 9 per cento nel 2016 grazie a 1,4 milioni di vetture vendute

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: gli Stati Uniti sono sempre più importanti per l’incremento delle vendite del gruppo italo americano guidato dal CEO Marchionne

Leggi anche: Fiat Tipo: porte aperte questo week end per scoprire la nuova gamma 2017

Sarà proprio negli Stati Uniti che si giocherà la partita più importante al fine di garantire a Sergio Marchionne di poter lasciare la guida di Fiat Chrysler Automobiles avendo raggiunto l’obiettivo prestabilito all’inizio del suo mandato e cioè quello di ridurre quasi totalmente il pesante indebitamento dl gruppo prima di lasciare la guida dello stesso alla fine del 2018.

Secondo gli analisti questo potrebbe avvenire realmente sfruttando la congiuntura favorevole del mercato che sembra essere in ripresa in tutto il mondo. Proprio per questo motivo negli USA, il gruppo italo americano segue il trend del mercato e dunque decide di puntare forte su crossover, Suv e Pick Up, tutte tipologia di veicoli che dovrebbero dare una grossa mano alla società italo americana per ridurre il debito aumentando il numero delle immatricolazioni. Vedremo se realmente il numero uno di FCA riuscirà nel suo intento.

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia supera Audi, Mercedes e Bmw anche tra le auto aziendali

Sergio Marchionne

Sergio Marchionne definisce ‘chiacchere da bar’ le voci sulla fusione tra FCA e GM