in

Fiat Chrysler, in Quebec Class Action da 150 milioni di dollari

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Nuovi guai per il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles. La società Garage Poirier & Poirier di Pointe-aux-Trembles, ha dato mandato allo studio legale Law Group di Montreal di avviare una class action in favore delle persone che hanno acquistato o affittato una Dodge Ram 1500 o una Jeep Cherokee del 2014, 2015 o 2016 che contiene un motore diesel da 3,0 litri. Questa richiesta per una class action contro la casa automobilistica, per una somma ancora da determinare, è stata depositata il 13 gennaio scorso.

Lo stesso giorno, un’altra richiesta di autorizzazione alla Corte Superiore contro Fiat Chrysler è stata presentata in Ontario dallo studio legale Siskind LLP. Il loro ufficio con sede a Quebec, ha nel frattempo presentato i suoi documenti in tribunale lunedì. La richiesta di risarcimento ammonta a 150 milioni di dollari, di cui  100 milioni di danni e 50 milioni di multa.

Entrambi i document sostengono che Fiat Chrysler avrebbe dotato alcuni veicoli di un software che ha permesso loro di manipolare la prova delle emissioni. Ricordiamo che la scorsa settimana, l’Agenzia statunitense per la Protezione dell’Ambiente (EPA) ha accusato Fiat Chrysler di violare le leggi sull’inquinamento atmosferico negli Stati Uniti nascondendo l’esistenza di software installati in 104 000 dei suoi veicoli negli Stati Uniti.

La casa automobilistica si è affrettata a negare le accuse, negando qualsiasi legame con la situazione della sua rivale tedesca Volkswagen. Nel documento presentato da un gruppo per la tutela dei diritti dei consumatori, si legge che “la class action sostiene che la casa automobilistica ha venduto veicoli con sistema che nascondeva i reali valori delle emissioni inquinanti durante i test, che poi nel corso delle normali condizioni di guida, superavano i livelli consentiti.

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio First Edition a confronto con i SUV rivali: performance al top

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Leggi anche: Fiat Chrysler: assemblea sindacale a Pomigliano per discutere il futuro dello stabilimento

“Trovo triste, che chi ha comprato una macchina che si suppone sia rispettosa dell’ambiente in realtà poi si accorga che la sua auto inquina molto di più delle vecchie auto. Questo è preoccupante come precedente “, afferma Stéphane Poirier, proprietario del Garage Poirier & Poirier e proprietario di una Dodge Ram 1500 del 2014.”  Nel mese di dicembre, dopo diversi mesi di trattative, Volkswagen aveva concluso un accordo  per pagare fino a 2,1 miliardi di dollari ai canadesi che avevano acquistato le auto con i motori irregolari.

 

 

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: il 26 gennaio i risultati dell’esercizio e del quarto trimestre 2016

Jeep Compass: chi acquista l’Opening Edition riceverà una Renegade sino alla consegna del SUV