in

FCA, per Graziano Delrio la richiesta della Germania è totalmente irricevibile

FCA

Nel corso di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il ministro dei Trasporti italiano Graziano Delrio ha indirettamente risposto al collega tedesco Alexander Dobrindt, affermando che le richieste della Germania sul caso FCA sono totalmente irricevibili. Delrio ha confermato che nel nostro paese non vi è alcuna sudditanza nei confronti del gruppo italo americano del numero uno Sergio Marchionne e che i controlli sono stati fatti tutti rispettando i parametri previsti dalla legge. Il ministro italiano ha pure affermato di aver accettato di collaborare con l’Unione Europea al fine di creare una Commissione d’indagine per valutare il caso. Questo proprio in quanto secondo il Ministro dei Trasporti italiano l’esecutivo non ha nulla da nascondere su questo caso.

FCA: le dichiarazioni di Graziano Delrio Ministro dei Trasporti

Il ministro dei Trasporti italiano Graziano Delrio ha approfittato dell’intervista al Corriere della Sera per ricordare che l’obiettivo del suo Ministero è quello di porre in essere una serie di cambiamenti al sistema automobilistico nazionale volti a ridurre drasticamente le emissioni di CO2 nel trasporto stradale. Il Ministro ha ricordato pure che già entro la fine del 2017 d’accordo con altri paesi saranno introdotti nuovi test per il controllo delle emissioni dei veicoli direttamente su strada. Si tratta di un metodo ancora più efficace per capire se i vari modelli inquinano o meno. 

Leggi anche: Alfa Romeo diventerà uno dei leader del mercato premium in USA secondo Bigland

marchionne fca dieselgate
Sergio Marchionne amministratore delegato di fca coinvolto in un presunto dieselgate che fa litigare i governi di Italia e Germania

Leggi anche: Dieselgate, la Germania chiede il ritiro dal mercato di Fiat 500, Doblò e Jeep Renegade

I tedeschi però continuano ad insistere e oggi il Ministro dei Trasporti della Germania ha dichiarato quali modelli di FCA secondo lui vanno ritirati dal mercato. Vedremo dunque nelle prossime ore come questa delicata situazione che mette contro Italia e Germania si evolverà e quali saranno le conseguenze per il gruppo di Sergio Marchionne che negli ultimi tempi non vive di certo un periodo di tranquillità, viste anche le problematiche analoghe che arrivano dagli Stati Uniti a seguito della denuncia dell’EPA che minaccia FCA di una pesante multa.

Sergio Marchionne Ceo di Fiat Chrysler

Fiat Chrysler, Sergio Marchionne visita lo stabilimento di Mirafiori

Alfa Romeo Giulia Sprint

Alfa Romeo Giulia Coupè, un nuovo render dal web