in

Fiat Chrysler non esclude di fermare la produzione in Messico

L’amministratore delegato di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne, ieri parlando con la stampa non ha escluso che in futuro la produzione di veicoli in Messico si possa completamente fermare. “È una possibilità, se le condizioni economiche imposte dal governo degli Stati Uniti  siano tali  da rendere la produzione in Messico senza più un senso economico”, ha detto Sergio Marchionne.

“Dunque un ritiro in futuro dal Messico è del tutto possibile. ” Il boss di Fiat Chrysler, intervenendo al Salone di Detroit, aveva detto in precedenza che il suo gruppo si sarebbe adattato alle nuove regole per il settore auto sorte sotto l’amministrazione Trump, che entrerà in carica il 20 gennaio. “Ci aspettiamo che arrivino nuove regole e ci adatteremo”, ha detto ai giornalisti. L’intera industria automobilistica in Messico potrebbe essere compromessa, ha aggiunto.

Le minacce di Donald Trump possono cambiare i programmi di Fiat Chrysler e delle altre case

Le minacce di Donald Trump a chi produce auto fuori dai confini americani rappresentano un argomento centrale tra gli addetti ai lavori al Salone dell’automobile di Detroit 2017. Secondo l’editorialista Mark Phelan della Detroit Free Press , questa incertezza è il peggiore scenario possibile per l’industria automobilistica, che solitamente usa pianificare i propri investimenti futuri dieci anni avanti.

In risposta ai giornalisti,  i dirigenti di Ford Motor e General Motors Company hanno cercato di rassicurare tutti. “Ford vede un clima migliore negli Stati Uniti sotto Donald Trump, ma siamo una società con stabilimenti in tutto il mondo”, ha dichiarato Mark Fields, presidente e CEO di Ford Motor Company. 

Leggi anche: Jeep Grand Cherokee: la nuova generazione sarà costruito su base Alfa Romeo

Fiat Chrysler Us
Fiat Chrysler Us: le parole di Sergio Marchionne sulla possibilità che in Messico in futuro non venga più prodotta nessuna auto

Leggi anche: Alfa Romeo, Fiat, Maserati, Ferrari, Jeep, FCA: Le migliori notizie della settimana (2-8 gennaio)

Per quanto riguarda i possibili effetti delle linee guida dell’amministrazione Trump in Canada, Sergio Marchionne ha detto per scherzo “ci sono stati aggiornamenti contro la produzione canadese”. 

Egli ha aggiunto che il mercato statunitense e canadese sono strettamente legati da molto tempo. Dunque si ipotizza e si spera che il presidente eletto riconosca questa ‘tradizione’.

Tornando al Messico, il paese fornisce più di un quinto della produzione di auto che poi vengono vendute in Nord America. Il paese centro americano ha attirato più di 24 miliardi di dollari di investimenti dal 2010, secondo Automotive Research Center Research, società di ricerca con sede a Ann Arbor, Michigan. 

Fiat Chrysler ha annunciato Domenica che avrebbe investito un miliardo di dollari per modernizzare due stabilimenti situati nel Midwest, in uno dei quali produrranno Pick Up Ram attualmente prodotti in Messico.

L’investimento annunciato negli Stati Uniti era già parte dei nostri progetti”, ha detto Sergio Marchionne Lunedì. Il dirigente ha anche detto di non aver incontrato Donald Trump dalla sua elezione l’8 novembre. Il futuro presidente degli Stati Uniti mette pressione sui produttori al fine di fare assemblare i loro modelli venduti nel mercato statunitense in territorio americano.

In questo contesto, Ford ha annunciato la scorsa settimana la cancellazione di un progetto per la costruzione di un impianto in Messico e la decisione di investire in un sito nel Michigan. 

 

Fiat Chrysler

Google e Fiat Chrysler: a fine mese i primi test sulla guida autonoma

Nuova Jeep Compass

Nuova Jeep Compass a Pomigliano? arrivano nuove conferme dal mondo sindacale