in

Google e Fiat Chrysler: a fine mese i primi test sulla guida autonoma

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler e Google

A fine gennaio 100 minivan Chrysler Pacifica faranno il loro esordio in strada per testare la guida autonoma in base ad un accordo di collaborazione tra Google e Fiat Chrysler. Sarà Waymo, startup creata da Google appositamente per lo sviluppo delle nuove tecnologie a guidare questo ‘esperimento’.

La tecnologia per poter garantire la guida autonoma sarà interamente realizzata dal colosso del web e questo dunque porterà ad un grande risparmio su tale tecnologia. Se prima infatti ci volevano circa 70 mila dollari per acquistare i sensori da montare sulle auto, adesso invece a Google per produrli da se’ ne bastano 7 mila di dollari. 

Google e Fiat Chrysler insieme per la guida autonoma

Lo scorso 8 gennaio 2017, John Krafcik, CEO di Waymo, ha confermato che i primi test su strada avranno inizio entro la fine di questo mese di gennaio negli Stati Uniti. Dunque la grande novità è che Google e Fiat Chrysler insieme realizzeranno sia la parte Hardware che il Software d questa nuova tecnologia.

Questo oltre a portare dei grandi vantaggi economici fa si che le due aziende potranno realizzare dei sensori che si adattano perfettamente al minivan Chrysler Pacifica su cui questa tecnologia sarà sperimentata. In un certo senso i sensori verranno realizzati quasi su misura. In particolare John Krafcik, ha specificato anche che  Waymo sta producendo due distinte e nuove tipologie di sensori LINDAR. 

Leggi anche:Jeep Grand Cherokee: la nuova generazione sarà costruito su base Alfa Romeo

Fiat Chrysler e Google
Fiat Chrysler e Google: i test su strada iniziano a fine gennaio, lo afferma il Ceo di Waymo

Leggi anche: Fiat Chrysler: niente Spin-off di Alfa Romeo e Maserati, parola di Sergio Marchionne

Fiat Chrysler pronta a collaborare con Waymo anche per un servizio di Car Sharing

I nuovi sensori prodotti da Waymo saranno dunque di due tipi: short range che permettono all’auto di individuare persone e oggetti nelle vicinanze, e long range, che mirano ad evitare ostacoli che si trovano lontano. Conferme inoltre arrivano alle voci secondo cui Google entro fine anno vorrebbe lanciare negli Stati Uniti un servizio di Car Sharing con auto a guida autonoma. Anche in questo caso però il colosso del web non si servirà di proprie auto ma metterà a disposizione la propria tecnologia su auto già esistenti. Anche in questo caso Fiat Chrysler sarebbe una delle aziende pronte a collaborare.

 

 

Jeep Grand Cherokee: la nuova generazione sarà costruita su base Alfa Romeo

Fiat Chrysler non esclude di fermare la produzione in Messico