in

Sergio Marchionne ottimista sul futuro di FCA, a fine 2018 il Ceo esce di scena

Sergio Marchionne Ginevra

Sergio Marchionne oggi ha parlato in conferenza stampa durante il Salone auto di Detroit 2017 che prende il via in questi giorni. Tante sono le domande dei giornalisti rivolte al numero uno del gruppo italo americano, che come al solito non ha deluso le attese. Tra i tanti argomenti affrontati, si è parlato anche delle recenti dichiarazioni dei più importanti analisti che si dicono molto fiduciosi sul raggiungimento degli obiettivi prefissati dal numero uno di FCA per i prossimi anni. L’amministratore delegato si è detto contento del fatto che anche gli addetti ai lavori abbiano capito finalmente che i risultati previsti negli scorsi anni per FCA potranno essere raggiunti secondo previsioni.

Sergio Marchionne in proposito si dice particolarmente ottimista confermando dunque le sensazioni dei maggiori analisti, che hanno dichiarato nei giorni scorsi di fidarsi ciecamente del top manager di Fiat Chrysler Automobiles. Resta da capire come il risanamento dei conti del gruppo italo americano possa avvenire. C’è chi pensa che sia sufficiente puntare sul mercato con un cambiamento dei piani che prevede più Suv e Crossover e meno berline e chi invece pensa che ciò non sia sufficiente. Marchionne non è entrato nei particolari, non ha detto insomma cosa intende fare in questi ultimi due anni, per poter ridurre l’indebitamento di FCA, che rappresenta il più grande problema del settimo gruppo automobilistico mondiale.

Sergio Marchionne ottimista sul raggiungimento degli obiettivi per FCA

Qualcuno ha ipotizzato in proposito che per raggiungere tale scopo sarà necessario sacrificare uno dei pezzi da novanta dello scacchiere di Fiat Chrysler Automobiles. Sergio Marchionne ha voluto rispondere escludendo possibilità per un eventuale spin-off di Maserati e Alfa Romeo. Il Ceo però ha avuto parole diverse per Magneti Marelli, considerata non essenziale. Questo fa dunque presagire che oltre ad un miglioramento dei risultati provenienti dal mercato, grazie alla ripresa economica e ad un maggiore investimento su Suv e Crossover, sarà necessario anche giungere a questa dolorosa cessione per poter finalmente eliminare il pesante fardello debitorio che grava sulle casse dell’azienda.

Leggi anche: Fiat Chrysler: niente Spin-off di Alfa Romeo e Maserati, parola di Sergio Marchionne

Sergio Marchionne
Sergio Marchionne ottimista sul futuro di Fiat Chrysler Automobiles, ma niente Spin-off di Alfa Romeo e Maserati

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia Sportwagon: Sergio Marchionne ha ancora dubbi

A fine 2018 Marchionne lascia il suo sostituto, verrà da dentro FCA

Infine c’è stato spazio anche per dare conferma che con la conclusione del 2018, Sergio Marchionne lascerà la guida del gruppo italo americano. Si tratterà della fine di un ciclo, qualcosa di doloroso ma inevitabile. Sicuramente il sostituto dell’attuale Amministratore delegato sarà all’altezza del compito. Come fa capire Marchionne stesso ci sono buonissime probabilità che questo suo successore possa derivare direttamente dall’interno di Fiat Chrysler. Il numero uno ha confermato che sarà il Presidente John Elkann e il Consiglio di amministrazione della società ad annunciare il suo sostituto.  Prima di lasciare la guida della società Sergio Marchionne però vuole portare a compimento il suo piano: 9 miliardi di utile operativo, 5 di utile netto per la fine del 2018. 

Fiat Chrysler

Fiat Chrysler: niente Spin-off di Alfa Romeo e Maserati, parola di Sergio Marchionne

FCA

FCA: le ultime novità su auto elettriche, guida autonoma e possibili alleanze